Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
26/02/2020

I prestatori di servizi uniti per gli obiettivi comuni

Il direttivo dei prestatori di servizi nell’Unione si è incontrato recentemente per un workshop destinato a fissare obiettivi e aree d’intervento. Lo scopo a lungo termine è creare maggiore visibilità sia all’interno che all’esterno della categoria.

La sfida è nota, ma i prestatori di servizi vogliono aumentare l’impegno profuso. “Se parliamo di prestatori di servizi pochi altoatesini – e anche molti dei nostri associati – riescono a formare un’immagine organica della categoria. Si tratta infatti di un settore davvero molto vario”, riassume il presidente dell’Unione Philipp Moser. Per questo motivo è di particolare importanza apparire come un gruppo unitario e coeso. “Con iniziative mirate e una migliore comunicazione vogliamo cambiare lo stato delle cose anche in accordo con la Visione 2020 dell’Unione”.

Cosa rende i prestatori di servizi dell’Alto Adige particolarmente attrattivi?
“Tutto ciò che si fa all’estero, noi possiamo farlo meglio. E i prestatori di servizi sono anche perfettamente bilingui, conoscono la realtà del territorio e la cornice giuridica nazionale”, sottolinea Katrin Trafoier, presidente dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione. “Siamo competenti e affidabili, ma soprattutto siamo personalmente sul posto”. Verso i prodotti altoatesini di vertice, col tempo, è cresciuta la considerazione da parte dell’opinione pubblica. “Se parliamo di commercio altoatesino, tutti possono nominare molti negozi locali. Il mondo dei servizi, invece, risulta più astratto e vago, non altrettanto radicato”, aggiunge.
E cambiare questa situazione è proprio l’obiettivo della categoria. “Abbiamo bisogno di un marchio forte e apprezzato. Perché con l’aumentare della considerazione da parte del pubblico altoatesino vengono a mancare immediatamente molti degli ostacoli che noi prestatori di servizi dobbiamo affrontare di continuo”. Un marchio renderebbe il settore attrattivo per futuri collaboratori e innalzerebbe la fiducia nei progetti. “Come già avviene per i prodotti di alta qualità, in cambio di un servizio di alto livello, il cliente dovrebbe essere disposto a pagare un prezzo adeguato”.

Un altro obiettivo è poi quello di mettere in evidenza altri temi comuni a tutti i prestatori di servizi. “La carenza di personale è un problema sentito in tutti gli ambiti. Qui da noi diventa sempre più difficile trovare collaboratori capaci ed entusiasti”, spiega Alexander Fill, presidente dei prestatori di servizi IT e internet nell’Unione. “Stiamo già applicando diverse contromisure, per esempio con nuovi percorsi formativi e di qualificazione professionale per la prossima generazione”. Ora è il momento che questi provvedimenti siano apprezzati anche dal pubblico.

Obiettivi concreti
Per le prossime riunioni del direttivo dei prestatori di servizi sono già stati fissati alcuni punti dell’ordine del giorno. “Quali sono i nostri punti di forza a livello regionale? Cosa differenza i prestatori di servizi dell’Alto Adige da quelli esterni alla provincia? Quali sono i problemi che tutti noi dobbiamo affrontare?” Queste sono le domande alle quali il direttivo intende dare risposta in tempi brevi ideando e concretizzando misure concrete. Una campagna di sensibilizzazione è già prevista.

Anche quest’anno la Giornata dei prestatori di servizi del 4 giugno sarà un appuntamento fondamentale per tutta la categoria. In programma c’è una serata di discussione e scambio di esperienze dedicate a storie esemplari di successi aziendali in Alto Adige.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

27/02/2021

Covid-19, restrizioni prorogate fino al 14 marzo

Il presidente della giunta provinciale Arno Kompatscher ha firmato venerdì 26 febbraio 2021 l’ordinanza d`urgenza n. 10 (vedi tra i download): tutte le attuali regole restano in vigore fino al 14 marzo. Per quanto riguarda gli ...
 
 

22/02/2021

Nuova ordinanza n. 9

Il presidente della Provincia Arno Kompatscher ha firmato sabato 20 febbraio 2021 una nuova ordinanza (Nr. 9/2021)   - vedi tra i download alla fine di questa pagina. Il provvedimento è immediatamente esecutivo e amplia le misure di ...
 
 

19/02/2021

Come e dove testare i collaboratori

Corridoio per test gratuiti: Grazie all’Azienda sanitaria, sotto la supervisione di Patrick Franzoni, vicecoordinatore del Servizio di soccorso e medicina d’urgenza, esiste ora un’ulteriore possibilità di testare i propri ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Lorena Sala

Categorie
Capoarea
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 512
E-mail: