Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
07/02/2020

I librai nell’Unione incontrano l’assessore Achammer

“La fissazione dei prezzi assicura il mantenimento di una vasta offerta di libri”

Da sin. il vicepresidente dei librai nell’Unione Patrick Pircher, i membri del Direttivo Andreas von Mörl e Marion Rigo, l’assessore provinciale Philipp Achammer, la presidente Susanna Valtiner e il membro del Direttivo Rainer Schölzhorn.
I librai nell’Unione si sono recentemente incontrati con l’assessore provinciale all’economia Philipp Achammer con lo scopo di sottoporre le necessità della categoria e discutere di alcuni temi di grande importanza, tra cui l’assegnazione di incarichi pubblici e la fissazione dei prezzi dei libri in Alto Adige.

Si è discusso soprattutto delle condizioni dei bandi pubblici. “Ordinare libri a prezzi inferiori alla soglia di valore impone condizioni insopportabili sia dal punto di vista economico che burocratico. La diffusione di bandi pubblici, purtroppo, tiene quasi sempre conto dell’unico e solo criterio del prezzo più basso”, critica Susanna Valtiner, presidente dei librai nell’Unione. E inoltre l’incertezza e la mancanza di chiarezza presso i funzionari rappresenta spesso un’ulteriore difficoltà; è un problema che andrebbe risolto al più presto.

Un altro tema affrontato durante l’incontro è la fissazione del prezzo dei libri che, in Italia, è regolato per legge. Attualmente la norma è in fase di rielaborazione e dovrebbe prevedere addirittura criteri più severi, con un ribasso del prezzo massimo del cinque percento. “La legge nazionale regola solo l’editoria italiana. Un problema per noi librai è quindi rappresentato dai libri editi in Germania, perché questi vengono dichiarati merce d’importazione e non ricadono nella normativa”, spiega Valtiner. I librai nell’Unione auspicano pertanto l’introduzione di una norma dedicata allo specifico problema dell’Alto Adige.

Insieme all’assessore Achammer si è parlato anche delle specificità del libro come prodotto. “I libri non sono un prodotto comune, perché, nel loro complesso, rappresentano lo specchio di una società e contribuiscono in maniera determinante a incentivare e sostenere la cultura e la competenza linguistica”, sottolineano i librai nell’Unione. Per questo motivo anche il commercio del prodotto culturale librario è diverso da quello di altri prodotti sul libero mercato, nel quale il prezzo e il livello di concorrenza sono determinati dall’incontro tra domanda e offerta.

“La fissazione del prezzo dei libri non è altro che un sistema di tutale per i libri quale bene culturale. In questo modo si riesce a mantenere un’offerta sufficientemente ampia e, dall’altro lato, ad assicurare un grande numero di punti vendita”, conclude Valtiner.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

26/02/2021

Anche i grossisti altoatesini nel settore dei beni per gli allestimenti e gli investimenti lamentano gravi perdite

I commercianti all’ingrosso dell’Alto Adige nel settore non alimentare lottano ormai da mesi con gravi perdite. “A causa dei ripetuti lockdown nel settore turistico, queste aziende stanno subendo seri cali di fatturato”, afferma Werner ...
 
 

22/02/2021

Maggiore richiesta di libri

Come va il commercio di libri durante la crisi:  In Alto Adige, il primo lockdown della scorsa primavera, ha comportato gravi difficoltà per il commercio di libri. Tuttavia, dopo la classificazione dei libri quali beni ...
 
 

19/02/2021

Sempre più apprezzati gli acquisti locali e sostenibili

In un recente studio, il noto Istituto per la ricerca commerciale IFH di Colonia ha messo sotto la lente d’ingrandimento le abitudini di consumo durante la pandemia, confrontandosi soprattutto con gli aspetti della regionalità e della sostenibilità ...
 
 

15/02/2021

Le agenzie viaggi nell’Unione suggeriscono una pianificazione flessibile per le ferie 2021

Pensare positivo, rimanere motivati e non mollare mai: queste erano, e sono ancora, le grandi sfide per le agenzie viaggi dell’Alto Adige. “Le nostre aziende e i molti collaboratori sono fiduciosi nonostante la situazione attuale”, afferma il ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Christine Walzl

Categorie
Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 514
E-mail:
Bozen