Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
08/02/2021

I grossisti altoatesini di alimentari completamente ignorati

L’Unione lancia l’allarme: “Esclusi da tutte le misure di sostegno!”- I fornitori della gastronomia e del turismo devono smaltire gli alimentari”

Sia in provincia che in parte anche al di fuori di essa, i grossisti di generi alimentari dell’Alto Adige forniscono soprattutto le aziende della gastronomia e del turismo. A causa del tornare ciclico del lockdown in questi settori, e dal continuo tira e molla con l’inizio della stagione invernale, queste aziende, e i loro quasi 1.000 dipendenti, hanno grandi difficoltà e segnalano gravi perdite di fatturato, sottolinea l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige.

Una delegazione di aziende del commercio all’ingrosso guidata da Werner Gramm, rappresentante dell’ingrosso nell’Unione, si è recentemente incontrata con il presidente dell’Unione Philipp Moser e con il direttore Bernhard Hilpold, per attirare l’attenzione su questa situazione di precarietà.

“Il grande problema è che, a causa del loro numero di collaboratori e dei loro fatturati, sono rimaste escluse dalle misure di sostegno Covid prese finora sia dallo Stato che dalla Provincia, venendo quindi private di qualsivoglia aiuto finanziario”, afferma il presidente Moser. L’unica soluzione che queste aziende hanno potuto prendere in considerazione è stata la cassa integrazione.

“Il settore alimentare del commercio all’ingrosso ha grandi costi fissi, come per esempio la gestione del parco veicoli e dei magazzini. In questo momento, poi, deve affrontare anche un altro problema, e cioè la deperibilità della merce, in particolare degli alimentari”, aggiunge Werner Gramm. Se questi non possono essere consegnati a causa della chiusura delle imprese, è infatti necessario smaltire la merce deperibile.

“Il commercio all’ingrosso ha urgente bisogno di aiuto. Siamo in trattativa con i competenti uffici economici per elaborare delle misure di sostegno a livello locale, affinché sia possibile aiutare le aziende coinvolte”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/06/2021

“Non smettere mai di migliorare!”

“Chi smette di migliorare ha smesso di essere buono”: questa citazione dell'ex imprenditore e politico tedesco Philip Rosenthal vale anche per le imprese del commercio e dei servizi in Alto Adige, spiega l'Unione.  “Nel nostro mondo ...
 
 

21/06/2021

L’Unione risponde ai cambiamenti nel mercato del lavoro

In questo periodo segnato dall’incertezza, l’Unione vuole sostenere attivamente le proprie aziende associate nella ricerca di personale, rispondendo anche ai cambiamenti nel mercato del lavoro. Oltre alla tradizionale
 
 

18/06/2021

Covid-19: dal 21 giugno meno restrizioni

Dal 21 giugno in Alto Adige saranno valide le regole nazionali previste per le cosiddette "zone bianche". La rispettiva ordinanza n. 25 (vedi tra i download) è stata firmata il 18 giugno dal presidente della Provincia Arno Kompatscher la quale ...
 
 

17/06/2021

Parte "Vaccinarsi a due passi da casa"

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige, con l’intento di risparmiare alle cittadine ed ai cittadini lunghi spostamenti per eseguire la vaccinazione, insieme ai comuni dell'Alto Adige ha lanciato la campagna "Vaccinarsi a due passi da casa". In queste ...