Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
27/04/2021

I gestori di centri fitness dell’Alto Adige sono delusi

“Niente accesso ai nostri locali nemmeno col nuovo Pass!”

Armin Bonamico, portavoce dei gestori di centri fitness nell’Unione.
I centri fitness sono stati colpiti molto duramente dall’emergenza Coronavirus. “Sebbene siano previsti aiuti da parte della Provincia, per il nostro settore la delusione di essere stato escluso dall’utilizzo del CoronaPass è enorme!”, afferma con amarezza Armin Bonamico, portavoce dei gestori di centri fitness nell’Unione. Corsi e attività all’aperto sono permessi, ma i locali dei centri fitness rimangono ancora chiusi.

“Va anche criticato un altro aspetto, e cioè il fatto che le attività ora permesse all’aperto siano consentite solo con CoronaPass. Si tratta di un’ulteriore limitazione, e non di un allentamento. Nel resto d’Italia non è prevista una simile norma”, sottolinea Bonamico. La situazione è davvero paradossale: a Salorno serve il Pass, ma nella vicina San Michele all’Adige è possibile fare liberamente ginnastica all’aria aperta.

“Ci saremmo aspettati che il nuovo CoronaPass provinciale valesse fin da subito anche per l’accesso ai centri fitness. Ma non è successo. Non si può andare avanti così. La situazione nel nostro settore rimane drammatica come prima”, ribadisce Bonamico. Anche il fatto che i centri fitness potranno riaprire il 1° giugno risulta poco invitante per il settore: sarebbe lo stesso se la stagione balneare a Jesolo potesse ripartire il 1° dicembre.

Col 26 aprile in Alto Adige è nuovamente permesso accedere a una serie di possibilità culturali e del tempo libero. “Solo il nostro settore deve rimanere a guardare le altre attività riprendere il lavoro”, sottolinea il portavoce dei gestori di centri fitness nell’Unione. “Anche questo importante settore dei prestatori di servizi ha finalmente bisogno di prospettive concrete”, aggiunge il presidente dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/07/2021

"Vaccinarsi a due passi da casa" - lista attuale

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige, con l’intento di risparmiare alle cittadine ed ai cittadini lunghi spostamenti per eseguire la vaccinazione, insieme ai comuni dell'Alto Adige ha lanciato la campagna "Vaccinarsi a due passi da casa". In queste ...
 
 

20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...
 
 

10/07/2021

Coronavirus: nuovo allegato A autorizza distanze interpersonali minori

La Giunta provinciale ha approvato in seduta una modifica normativa che riduce da 10 a 5 i metri quadrati di spazio per persona necessari per garantire la prevenzione del contagio da Coronavirus. La variazione è stata introdotta con una modifica ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Evelyn Zöschg

Sviluppo centri urbani
Collaboratrice sviluppo centri urbani
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 318
E-mail: