Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
14/05/2019

Giornata del pane, i panificatori altoatesini sensibilizzano verso il pane locale

Presentato un video promozionale

Insieme per il pane locale: i panificatori con il presidente provinciale Hans Trenker (9° da sin.) e la diriettrice della scuola Brigitte Gasser Da Rui.
Il pane e i prodotti da forno dell’Alto Adige hanno una propria storia, una particolare provenienza geografica e un gusto unico. Per mettere in evidenza queste particolarità, i panificatori nell’Unione, insieme alla Scuola professionale provinciale alberghiera ed alimentare “Emma Hellenstainer”, ha organizzato per oggi (martedì, 14 maggio 2019) la prima edizione della “Giornata del pane”.

“L’obiettivo dell’evento è sensibilizzare l’opinione pubblica per sottolineare con quanta scrupolosità e competenze professionali si lavori nel settore della panificazione. Caratteristiche come qualità, lavoro artigianale e tradizione dovrebbero tornare in primo piano”, spiegano il presidente provinciale dei panificatori Hans Trenker e la direttrice della scuola professionale Brigitte Gasser Da Rui. La qualità del pane non necessita di additivi, gli elementi fondamentali sono la tradizione, la competenze e la capacità del panificatore.

Con circa 120 aziende associate e oltre 260 punti vendita, l’associazione dei panificatori nell’Unione è una delle categorie professionali più importanti e ricche di tradizione di tutto l’Alto Adige.

All’inizio della manifestazione il noto maestro panificatore tedesco Hermann Späth ha presentato un’interessante relazione. “I panificatori ben preparati non conoscono crisi nemmeno in tempi di recessione economica. In tutta Europa, infatti, i professionisti capaci e con un orientamento pratico sono richiesti come non mai. Grazie al successo del sistema della formazione duale, un apprendista panificatore è oggi in grado di ottenere una maturità professionale, proseguire gli studi e arrivare a titoli accademici”, ha sottolineato l’esperto.

Al termine della giornata, insieme a docenti e studenti, è stato visitato il forno della scuola e sono stati degustati diversi tipi di pane. É stato infine presentato il primo video promozionale di una serie dedicata al lavoro dei panificatori.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

30/03/2020

Covid-19, l’Unione stanzia 500.000 euro per un pacchetto speciale di consulenza

In occasione di una riunione d’emergenza, la Giunta esecutiva dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha stabilito di stanziare un pacchetto speciale per gli associati per un valore complessivo di 500.000 euro.

“Le nostre ...
 
 

25/03/2020

Manca il denaro per gli affitti

Attualmente sono ben oltre 7.000 le aziende altoatesine del commercio e della gastronomia chiuse dal 12 marzo. Molte di queste aziende hanno preso in affitto i propri locali commerciali. Oltre a ciò, ci sono anche molte aziende di ...
 
 

24/03/2020

Covid-19: posticipare COSAP e oneri per il commercio su aree pubbliche

Il più recente tra i decreti governativi finalizzati a fronteggiare l’emergenza sanitaria Covid19 impone anche la sospensione della maggior parte delle attività commerciali presenti sul territorio nazionale. Facendo seguito alle direttive ...
 
 

24/03/2020

L’Associazione Mediatori Alto Adige mette sul mercato la prima Guida Casa

“In questo modo l’Associazione Mediatori Alto Adige intende fornire ai potenziali acquirenti e a tutti coloro che vogliano vendere il proprio immobile un utile strumento per comprendere e valutare meglio il prezzo degli immobili”, spiega il ...