Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

L’Unione: speranza dopo un incontro con l’assessore provinciale Achammer

L’assessore provinciale Philipp Achammer con il responsabile d’ufficio Armin Gatterer e i rappresentanti dei gestori di centri fitness nell’Unione Armin Bonamico e Andy Amplatz.
Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto Adige, le regole di accesso a palestre e centri fitness sono molto più rigide che nel resto d’Italia, prevedendo per esempio l’obbligo di test per accedere alle strutture.

“Perché dobbiamo sottostare a regole diverse? I clienti dei centri fitness sul resto del territorio nazionale non devono esibire il Green Pass – solo in Alto Adige non si transige da quest’obbligo”, afferma deluso il portavoce dei gestori di centri fitness nell’Unione Armin Bonamico. “Dopo otto mesi di lockdown abbiamo potuto riaprire da sei settimane, ma i nostri centri sportivi restano vuoti. Il nostro settore richiede con urgenza regole eque e ragionevoli!”

Sempre piè clienti chiedono il rimborso dei propri abbonamenti, e le casse dei gestori di centri fitness restano vuote. Molti collaboratori sono costretti a rimanere ancora in cassa integrazione. La situazione attuale sta inoltre diventando una questione meramente politica: “I clienti restii a farsi vaccinare non si sottopongono più nemmeno ai test, perché questi sono ottenibili solo a pagamento. E ciò non va certo a beneficio della collettività”, aggiunge Bonamico. “In estate il giro d’affari delle palestre e dei centri fitness cala del 50 percento per motivi stagionali: in questo momento le nostre attività sono quasi del tutto prive di clienti. Mentre i colleghi nelle altre regioni italiane – dove non c’è obbligo di Pass – riferiscono di una buona ripresa”.

Ora i gestori di centri fitness dell’Alto Adige sperano nella considerazione della Giunta provinciale: la gravità della situazione nella quale versano le aziende è stata discussa la scorsa settimana con l’assessore provinciale all’economia Philipp Achammer, il quale sottoporrà ora le preoccupazioni degli imprenditori alla Giunta provinciale.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/07/2021

"Vaccinarsi a due passi da casa" - lista attuale

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige, con l’intento di risparmiare alle cittadine ed ai cittadini lunghi spostamenti per eseguire la vaccinazione, insieme ai comuni dell'Alto Adige ha lanciato la campagna "Vaccinarsi a due passi da casa". In queste ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...
 
 

10/07/2021

Coronavirus: nuovo allegato A autorizza distanze interpersonali minori

La Giunta provinciale ha approvato in seduta una modifica normativa che riduce da 10 a 5 i metri quadrati di spazio per persona necessari per garantire la prevenzione del contagio da Coronavirus. La variazione è stata introdotta con una modifica ...
 
 

09/07/2021

Vaccinare, vaccinare, vaccinare

L'Alto Adige deve continuare ad attuare coerentemente la sua strategia di vaccinazione e continuare a sensibilizzare e convincere la gente, sottolinea l’Unione. “Siamo chiaramente e inequivocabilmente a favore della vaccinazione. Riteniamo ...