Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
26/05/2020

Gastronomia e ore serali: le regole di comportamento sotto esame

L’Unione si appella al senso di responsabilità di ospiti e clienti: “La chiusura anticipata dei locali non è la soluzione”

Le attuali regole di comportamento – in primo luogo l’obbligo di mascherina e la distanza interpersonale – sono attualmente sotto esame anche da parte di una serie di centri urbani dell’Alto Adige. Come è naturale, vista anche la stagione, ad attirare un grande pubblico nelle aree pubbliche adiacenti o di fronte ai locali sono soprattutto le ore serali.

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige fa appello a clienti e ospiti dei locali pubblici affinché mostrino la necessaria responsabilità e si attengano alle regole di comportamento. La salute di tutti i presenti viene prima di tutto. “Non può essere che, a causa di poche persone che non si attengono alle regole, si debba anticipare la chiusura dei locali pubblici nei centri urbani, come per esempio a Bolzano”, afferma Pietro Perez, responsabile della gastronomia e dei pubblici esercizi nell’Unione.

Per quanto possibile, i gestori dei locali sono costantemente impegnati a sensibilizzare i propri avventori circa il corretto comportamento da mantenere. “Non possiamo essere noi a farci carico dei compiti delle forze dell’ordine, che sono responsabili per la sicurezza, la tranquillità e il rispetto delle norme igieniche al di fuori dei locali. Tuttavia, siamo sempre pronti a collaborare e fornire tutto il sostegno possibile”, aggiunge Perez. L’anticipo dell’orario di chiusura non rappresenta la soluzione del problema, ma un ulteriore problema a carico dei gestori dei locali.

L’Unione spera ora che le persone mostrino comprensione e senso di responsabilità – il tutto unito a regolari controlli da parte delle forze dell’ordine. Sulla base degli ottimi numeri relativi al contagio registrati nelle due settimane passate, l’Unione auspica infine una riduzione delle regole di distanziamento a un metro – un altro motivo per mostrare la giusta responsabilità.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

07/05/2021

I librai nell’Unione: “Una brutta notizia per famiglie e scuole”

I librai nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige criticano i tagli previsti per il settore della formazione. Da un lato, infatti, i mezzi finanziari messi a disposizione delle scuole nel bilancio provinciale 2021 per i libri in prestito ...
 
 

06/05/2021

Un anno senza acquisti la domenica ha dimostrato il proprio valore

In Alto Adige è quasi passato un anno dal ritorno della regolamentazione delle aperture domenicali e festive nel commercio, come ricorda l’Unione. “Questi mesi l’hanno mostrato con chiarezza: l’apertura dei negozi alla domenica non è più una ...
 
 

04/05/2021

Infinity Campus – Stimoli internazionali per addetti al marketing e creativi

Per i creativi altoatesini e per tutti gli specialisti del marketing si aprirà a breve una possibilità unica per ottenere stimoli e ispirazioni da specialisti di livello globale. A partire dal 12 maggio otto protagonisti della creatività ...
 
 

03/05/2021

I produttori di alimentari con commercio al dettaglio fanno fronte comune

I produttori di alimentari altoatesini con commercio al dettaglio uniscono le proprie forze in seno all’Unione con l’obiettivo di garantire un’efficace rappresentanza di interessi alle molte aziende attive in questo settore. “In questo comparto ...