Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
14/05/2021

Eventi Covid Safe in Alto Adige

Nuovo progetto “Zone Corona Pass” elaborato insieme all’Eurac

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
Affinché sia subito possibile organizzare eventi in Alto Adige, l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige e l’Eurac hanno collaborato per elaborare insieme un progetto chiaro e allo stesso tempo semplice. In questi giorni il presidente dell’Unione Philipp Moser e il direttore dell’Eurac Stephan Ortner hanno presentato all’assessore provinciale all’economia e alla cultura Philipp Achammer la strategia per far ripartire il settore degli eventi in Alto Adige.

“Fino a oggi l’intero settore degli eventi e delle manifestazioni in Alto Adige è senza prospettive a medio termine, e deve puntare ancora su resilienza e capacità di sopportazione. Sono state registrate perdite di fatturato fino al 95 percento”, afferma Moser. “Ora è venuto il momento di rimettere in moto questo settore e poter programmare nuovamente le attività”, aggiunge Moser. “Finalmente abbiamo una chiara strategia per le riaperture, che ci permette di poter tornare a organizzare eventi e manifestazioni in maniera professionale e sicura”, aggiunge con soddisfazione la presidente dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione Katrin Trafoier.

“Il nostro progetto prevede che, fin da subito, in aree limitate e controllabili – le cosiddette Zone Corona Pass – sia permesso allestire eventi sicuri”, spiega il direttore dell’Eurac Ortner. In queste zone avranno accesso tutti i possessori di Corona Pass. Queste misure restrittive valgono anche in presenza di allentamenti a livello nazionale. L’obbligo di eseguire controlli spetta all’organizzatore, che allestisce postazioni per i test, per esempio in occasione di eventi sportivi. Tutta la procedura avviene digitalmente, iscrizione compresa. Le norme del Corona Pass valgono anche per i partecipanti dall’estero.

Il progetto prevede che, con un’incidenza superiore a 10 sia possibile fin da subito allestire eventi che rispettino tre criteri: nessuna limitazione al numero di partecipanti, nessun distanziamento, ma misure di protezione (obbligo di mascherine e disinfezione). In caso di incidenza inferiore a 10 non saranno più necessarie misure di protezione e non sono previste limitazioni particolari.

Il presidente dell’Unione Philipp Moser conclude ringraziando l’Eurac per la buona collaborazione. “Noi tutti, in Alto Adige, vogliamo raggiungere un obiettivo comune: riaprire tutte le aziende, salvare posti di lavoro e dare una prospettiva alle persone”, ribadisce Moser, e questo comprende anche il locale settore degli eventi e manifestazioni.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/06/2021

“Non smettere mai di migliorare!”

“Chi smette di migliorare ha smesso di essere buono”: questa citazione dell'ex imprenditore e politico tedesco Philip Rosenthal vale anche per le imprese del commercio e dei servizi in Alto Adige, spiega l'Unione.  “Nel nostro mondo ...
 
 

14/06/2021

Offensiva nell’ambito della digitalizzazione in Alto Adige

Accompagnare e far sviluppare le aziende commerciali in Alto Adige verso un futuro tecnologico e digitale: l’Unione ha lanciato un’offensiva per incentivare la digitalizzazione tra le imprese associate.  “Per stimolare e incentivare i circuiti ...
 
 

09/06/2021

Il nuovo manuale pratico per uno sviluppo delle località e delle città in Alto Adige

Si è tenuto oggi (mercoledì, 9 giugno 2021), per la prima volta in Alto Adige, un congresso in versione online dedicato al tema dello sviluppo urbano. In occasione dell’evento, l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha presentato il ...
 
 

08/06/2021

Brunico, parcheggio gratuito al sabato

Parcheggio gratuito nei quattro sabati di giugno negli stalli blu in superficie nonché nel parcheggio Brunico Centro: l’ha concordato il gruppo comunale dell’Unione in occasione di un incontro con il sindaco Roland Griessmair.

“Il ...