Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
03/12/2018

Entrato in vigore il nuovo Regolamento Ue sullo shopping online

Unione: “Sostanzialmente ok, ma la giustizia fiscale è prioritaria”

Il nuovo Regolamento Ue contro i blocchi geografici nello shopping online è entrato in vigore il 3 dicembre. Il Regolamento Geoblocking (Reg. Ue 2018/302) prevede misure volte a impedire blocchi geografici ingiustificati e altre forme di discriminazione basate sulla nazionalità, il luogo di residenza o di stabilimento – ad eccezione del diritto fiscale. “Il Regolamento riguarda l’accesso alle interfacce online di qualsiasi genere, in particolare a siti web ed e-shop, e il rapporto tra imprese e consumatori (B2C)“, spiega Philipp Moser, presidente dell’Unione.

L’Unione approva in generale che l’Unione Europea si occupi di questo tema – con l’obiettivo di assicurare un trattamento equo di tutti i consumatori in Europa. “Tuttavia sarebbe molto più importante e prioritario che l’Ue si occupasse della carente equità fiscale“, sottolinea Moser.
 
“Attualmente molte piccole imprese pagano le tasse nel Paese in cui si trovano e in cui pagano i tributi sulla creazione di valore aggiunto. I grandi colossi internazionali dai nomi altisonanti, che nell’acquisto e nella logistica sono già ampiamente avvantaggiati dalle economie di scala, approfittano invece di ulteriori vantaggi importanti grazie all’ottimizzazione fiscale e al trasferimento del carico fiscale in altri Paesi“, afferma il presidente dell’Unione. Ovviamente le piccole imprese non possono tenere il passo. Ciò comporta una distorsione della concorrenza e una concentrazione sulle grosse aziende, precisa l’Unione.

L’appello è dunque rivolto all’Ue affinché acceleri il cammino che porterà ad un'equità fiscale e individui una soluzione prima che le numerose piccole imprese debbano lanciare la spugna. “Insomma, anche le multinazionali dovrebbero pagare le tasse nei Paesi in cui vendono“, riassume Moser.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/10/2019

Legge di bilancio 2020

L’obbligo di accettare pagamenti con bancomat da parte dei clienti di esercizi commerciali, prestatori di servizi e liberi professionisti esiste in Italia fin dal 2014. Ora, però, la proposta di bilancio per il 2020 prevede una nuova e doppia ...
 
 

17/10/2019

Urbanistica, nuova legge provinciale “Territorio e paesaggio”

La nuova legge provinciale in materia di urbanistica deve entrare in vigore come previsto il 1° gennaio 2020: anche l’Unione auspica che l’entrata in vigore della nuova norma sia mantenuta come da programma. “Le aziende del settore commercio e ...
 
 

16/10/2019

Settore IT in Alto Adige: più visibilità per giovani e studenti

“Spinto dall’innovazione tecnologica globale, il mercato delle tecnologie dell’informazione si rinnova più velocemente di qualsiasi altro”, afferma il presidente dei prestatori di servizi IT e internet nell’Unione Alexander Fill in occasione del ...
 
 

15/10/2019

Assemblea generale dei panificatori nell’Unione

In occasione della Fiera Hotel si è tenuta oggi (martedì, 15 ottobre 2019) l’annuale assemblea generale dei panificatori nell’Unione. Con circa 120 aziende associate e oltre 260 punti vendita i panificatori altoatesini nell’Unione sono una ...