Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
10/12/2020

EbK, interventi straordinari a sostegno del reddito

“Prestazioni per lavoratori e aziende con un budget totale di 500.000 euro”

Il presidente dell’EbK Sandro Pellegrini.
Per rispondere alle necessità di lavoratori e aziende generate dalla crisi economica legata alla pandemia di Coronavirus, l’Ente bilaterale per il settore terziario (EbK) aveva elaborato quattro nuove prestazioni straordinarie specificamente mirate a sostenere il reddito di aziende e collaboratori, entrambi duramente colpiti dall’emergenza Covid 19.

In questi giorni si sono conclusi i pagamenti di queste prestazioni straordinarie. “A seguito della chiusura degli esercizi che ha messo a dura prova aziende e i lavoratori, avevamo deciso di aiutare i nostri associati mettendo a disposizione 500.000 euro in contributi straordinari. Sono state 2.157 le richieste elaborate”, spiega soddisfatto il presidente dell’EbK Sandro Pellegrini.

Per quanto riguarda i dipendenti, le nuove prestazioni erano costituite da un contributo straordinario genitorialità e da un contributo straordinario per la serenità abitativa. Entrambi erano versamenti una tantum che potevano raggiungere un massimo di 250 euro. Importo che poi è stato ridotto in quanto le richieste hanno superato ampiamente le aspettative. Il primo aiuto economico era rivolto a genitori lavoratori con figli fino a 16 anni, mentre il secondo era pensato per aiutare nel pagamento di affitto o mutuo prima casa per lavoratori che in cassa integrazione nei mesi tra aprile e giugno.

I servizi rivolti alle aziende riguardavano invece la messa in sicurezza/sanificazione degli ambienti di lavoro e l’acquisto di computer per il lavoro agile/smart working dei dipendenti. In questo caso i contributi potevano arrivare a coprire il 40 percento delle spese sostenute dall’azienda, con un tetto massimo rispettivamente di 5.000 e 2.500 euro.

“Siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto, con questi aiuti straordinari abbiamo dato un segno di vicinanza a oltre 2.000 famiglie senza dover sospendere l’ordinaria attività dell’Ente. Sicuramente la mole di lavoro è stata straordinaria e vorrei cogliere l’occasione per ringraziare i collaboratori dell’Ebk per l’impegno e la professionalità mostrata. Vorrei anche invitare a consultare il nostro sito dove si possono leggere tutte le prestazioni offerte. Ora, ultimata la prima trance di aiuti stiamo discutendo di ripetere l’iniziativa nei primi mesi dell’anno 2021 ma voglio anche ricordare che le prestazioni dell’Ente bilaterale possono essere elargite solo a coloro che pagano correttamente i contributi Ascom e Covelco nonché quelli dell’Ebk.”, sottolinea il presidente Pellegrini.

Come previsto dal contratto collettivo nazionale, l’EbK è stato fondato a Bolzano nel gennaio 2000 come ente bilaterale territoriale dalle sigle sindacali ASGB commercio, Filcams/CGIL – AGB, Fisascat/SGB-CISL e UILTuCS/UIL – SGK insieme all’Unione commercio turismo servizi, e viene gestito pariteticamente da essi. Ulteriori informazioni sull’Ente bilaterale sono disponibili su www.ebk.bz.it
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

02/03/2021

Agenti e rappresentanti di commercio nell’Unione: “Ora serve un sostegno rapido e non burocratico da parte della Provincia!“

In breve tempo dovrebbe essere possibile presentare le richieste di sostegno per le aziende altoatesine che, negli ultimi 12 mesi, abbiano subito gravi perdite finanziarie. Questo, almeno, è quanto ha annunciato la Giunta provinciale. “I diversi ...
 
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

26/02/2021

Anche i grossisti altoatesini nel settore dei beni per gli allestimenti e gli investimenti lamentano gravi perdite

I commercianti all’ingrosso dell’Alto Adige nel settore non alimentare lottano ormai da mesi con gravi perdite. “A causa dei ripetuti lockdown nel settore turistico, queste aziende stanno subendo seri cali di fatturato”, afferma Werner ...
 
 

19/02/2021

Sempre più apprezzati gli acquisti locali e sostenibili

In un recente studio, il noto Istituto per la ricerca commerciale IFH di Colonia ha messo sotto la lente d’ingrandimento le abitudini di consumo durante la pandemia, confrontandosi soprattutto con gli aspetti della regionalità e della sostenibilità ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Bilaterale Körperschaft des Tertiärsektors

 
T: 0471-310501
E-mail:
Indirizzo: Mitterweg 5, 39100 Bozen