Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
20/10/2020

Decisione chiara della Giunta esecutiva: i Mercatini di Natale sono da cancellare

Il presidente Philipp Moser: “Partire ora con la riprogrammazione”

La Giunta esecutiva dell’Unione si esprime con chiarezza contro l’allestimento dei Mercatini di Natale di quest’anno. A deciderlo all’unanimità, dopo una lunga discussione, è stato lunedì, 19 ottobre 2020 il massimo organo rappresentativo dell’Unione. “Abbiamo valutato gli sviluppi degli ultimi giorni con rinnovata attenzione. Sulla base della nuova ordinanza d’urgenza l’offerta gastronomica ai Mercatini non è più possibile. E senza stand gastronomici i Mercatini perdono molta della loro attrattività, anche per i gestori degli stand”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser chiarendo uno dei motivi principali per la decisione. Secondo dei calcoli di massima interni, e dopo aver consultato i gestori degli stand dei cinque maggiori Mercatini di Natale, è risultato chiaro che le spese attualmente previste non potrebbero in alcun modo essere coperte dai guadagni prevedibili.

Si tratta anche di evitare gli assembramenti di persone e di ridurre al minimo il rischio di contagio, precisa Moser. La salute di tutti rimane la massima priorità. In questa fase particolarmente delicata bisogna evitare al massimo ulteriori lockdown – per il bene dei datori di lavoro e dei dipendenti. “Assistiamo quotidianamente a un aumento di contagiati, e le previsioni non lasciano sperare in un’inversione di tendenza”, chiarisce il presidente dell’Unione.

“Ciò non vuol dire nascondere la testa nella sabbia. Al contrario: in questo momento abbiamo l’opportunità unica di ripensare questo vero e proprio segno di riconoscimento dell’Alto Adige, ideando nuovi modelli e contenuti, per ripartire nel 2021. I centri urbani dell’Alto Adige vivono della loro attrattività, qualità della vita e frequenze delle persone che li frequentano e vi si intrattengono”, conclude il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/04/2021

Strategia per la riapertura anche per i settori che necessitano di programmazione a lungo termine

“Nell’economia dell’Alto Adige ci sono settori che non possono ripartire dall’oggi al domani, ma che devono pianificare la propria attività solo a lungo termine. Pensiamo a tutto il settore altoatesino degli eventi e degli organizzatori”, afferma il ...
 
 

20/04/2021

Soluzione locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est

Nuove e soddisfacenti notizie per tutte le aziende e i collaboratori nel settore commercio e servizi in Alto Adige: finalmente è disponibile una soluzione speciale locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est.L’associazione ...
 
 

19/04/2021

Come e dove testare i collaboratori

Test nasale fai da te gratuito: In questi Comuni è attualmente disponibile un’offerta per test nasali gratuiti fai da te (possibili modifiche):

 
 
 

19/04/2021

La gastronomia altoatesina a Roma

Tra i settori colpiti più duramente dalla pandemia di Coronavirus figura senz’altro la gastronomia, con bar e ristoranti costretti a chiudere per molti mesi durante l’emergenza. Per mettere in evidenza la gravità della situazione economica del ...