Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
13/06/2019

Dal 1° luglio invio telematico dei corrispettivi giornalieri, l’Unione chiede una proroga

Sì alla semplificazione delle procedure, ma metodologie precise e adeguati tempi di implementazione

Il direttore dell’Unione Bernhard Hilpold (des.) e l’amministratore dell’Unione Cooperativa Karl Untertrifaller.
Come noto, in Italia, a partire dal 1° gennaio 2020, i commercianti al dettaglio e i soggetti assimilati, dovranno memorizzare elettronicamente, e quindi trasmettere telematicamente all’Agenzia delle entrate, i dati relativi ai corrispettivi giornalieri. Per gli imprenditori con un volume d’affari superiore a 400.000 euro, tuttavia, l’obbligo sussiste già dal 1° luglio 2019.

“Con tempi così brevi ed entro la fine del mese l’installazione e l’adeguamento operativo degli apparecchi nonché la loro conversione tecnica sono assolutamente impossibili. E se l’adeguamento non è fattibile, è necessario dotarsi di nuove casse”, spiegano il direttore dell’Unione Bernhard Hilpold e l’amministratore di Unione Cooperativa Karl Untertrifaller. E inoltre lo Stato è in ritardo perché manca tutta una serie di decreti che devono chiarire in maniera più precisa le procedure di implementazione.

Per questo motivo, insieme all’associazione nazionale di riferimento Confcommercio, l’Unione richiede una proroga dell’obbligo di invio telematico dell’incasso per tutti i soggetti coinvolti al 1° gennaio 2020. “Fondamentalmente la modernizzazione e la semplificazione delle procedure sono sempre le benvenute. Tuttavia serve anche il necessario tempo di adeguamento, così che tutti possano ottemperare in tempo al nuovo obbligo” ribadiscono i due rappresentanti dell’Unione.

Sono esonerate le operazioni non soggette all’obbligo di certificazione dei corrispettivi come la cessione di tabacchi, giornali, periodici o libri.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

22/01/2020

Brunico: nuova collocazione per il mercato settimanale

Nel marzo 2020 a Brunico prenderanno il via i lavori per la realizzazione del Noi Techpark. La zona interessata è l’area della stazione ferroviaria insieme a via Europa, dove, dal 1977, si tiene il mercato del mercoledì. Negli ultimi mesi un gruppo ...
 
 

10/01/2020

Negozi, niente prolungamento per l’imposta sostitutiva sui guadagni da affitto

L’Unione accoglie con disaccordo e incredulità la decisione di cancellare la proroga dell’imposta sostitutiva sui guadagni da affitto di locali commerciali nella Legge di bilancio. “L’imposta sostitutiva sui guadagni da affitto di immobili ...
 
 

03/01/2020

Confermati i contributi al commercio di vicinato per il 2020/2021

In occasione dell’ultima seduta dell’anno appena concluso, la Giunta provinciale ha deliberato di confermare, anche per il biennio 2020/2021, i contributi destinati all’apertura di un primo negozio di vicinato ovvero al mantenimento dell’unica ...
 
 

27/12/2019

I ricercatori auspicano l’introduzione di una tassa sulle restituzioni

I ricercatori in ambito economico dell’Università di Bamberg, specializzata nella ricerca sulle restituzioni in ambito commerciale, auspicano l’introduzione di una tassa sulle restituzioni nell’e-commerce. “Nell’ambito di un nuovo studio, gli ...