Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
22/04/2020

Coronavirus: l’Unione auspica un prolungamento della cassa integrazione

“Le aziende vogliono sostenere i propri dipendenti e poter continuare a offrire loro un lavoro”

L’Unione auspica il prolungamento e il relativo aumento delle prestazioni della cassa integrazione per l’interruzione dell’attività aziendale a seguito della pandemia di COVID-19.

“Come è noto, questo strumento di sostegno è limitato a nove settimane, che possono essere usufruite tra il 23 febbraio al 31 agosto 2020. A causa del prolungarsi delle chiusure e dell’interruzione dell’attività aziendale, si tratta di un periodo troppo limitato. Le aziende che il 12 marzo hanno dovuto mettere i propri dipendenti in cassa integrazione si trovano già alla settima settimana”, affermano il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini.

Soprattutto nel settore della gastronomia, ma anche in quello dei servizi, come per esempio nei servizi per gli eventi e le agenzie viaggi, in confronto ad altri comparti economici, è praticamente sicuro che sarà necessario prolungare la chiusura e l’interruzione dell’attività aziendale.

Nel solo Alto Adige, dal 12 marzo, sono ben 3.850 le aziende della gastronomia (caffè e gelaterie, bar e pub nonché ristoranti) chiuse. Tali aziende sono state colpite con maggiore gravità. La lunga chiusura obbligata e il mancato guadagno le hanno gettate in gravissima difficoltà.

“Un prolungamento della cassa integrazione appare quindi come un’efficiente misura per l’alleggerimento dell’attuale situazione”, aggiungono i vertici dell’Unione. “Le aziende vogliono sostenere i propri collaboratori e fare tutto il necessario per poter continuare a offrire loro un lavoro. Si tratta di un’enorme quantità di competenza e conoscenza che altrimenti andrebbe persa ai fini della ricostruzione. Ma in molti casi si tratta anche dei rapporti personali con i collaboratori”, sottolineano in conclusione Moser e Pellegrini.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/04/2021

Strategia per la riapertura anche per i settori che necessitano di programmazione a lungo termine

“Nell’economia dell’Alto Adige ci sono settori che non possono ripartire dall’oggi al domani, ma che devono pianificare la propria attività solo a lungo termine. Pensiamo a tutto il settore altoatesino degli eventi e degli organizzatori”, afferma il ...
 
 

20/04/2021

Soluzione locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est

Nuove e soddisfacenti notizie per tutte le aziende e i collaboratori nel settore commercio e servizi in Alto Adige: finalmente è disponibile una soluzione speciale locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est.L’associazione ...
 
 

19/04/2021

La gastronomia altoatesina a Roma

Tra i settori colpiti più duramente dalla pandemia di Coronavirus figura senz’altro la gastronomia, con bar e ristoranti costretti a chiudere per molti mesi durante l’emergenza. Per mettere in evidenza la gravità della situazione economica del ...
 
 

16/04/2021

Per la prima volta i test salivari in Alto Adige

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige sostiene attivamente gli sforzi per la prosecuzione della strategia di test in Alto Adige. “Fin da subito offriamo gratuitamente a tutti i nostri collaboratori la possibilità di eseguire un innovativo ...