Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
04/03/2020

Coronavirus e danni economici

Misure compensative intersettoriali per aziende e collaboratori e attivazione dei fondi di solidarietà presenti localmente sono due provvedimenti che, secondo l’Unione, dovrebbero essere presi rapidamente e senza ulteriori oneri burocratici per sostenere l’economia locale in questa situazione di emergenza.

“Non è possibile che siano i singoli settori economici a richiedere misure di sostegno finanziario ognuno per conto proprio. La situazione attuale colpisce tutti i comparti in eguali misura”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser. Ciò che serve sono quindi soluzioni locali e autonome alla crisi.

L’Unione auspica quindi fin da subito la necessaria disponibilità dalle parti sociali a prestare sostegno economico per mezzo dei fondi disponibili, come per esempio l’Ente bilaterale per il terziario (EbK) o il fondo di solidarietà regionale, arrivando anche, in casi estremi, a sostenere direttamente le aziende e i loro collaboratori. In questi giorni l’Unione si incontrerà con i rappresentanti dei sindacati. “In aggiunta a quanto già detto, da parte della politica – nazionale e provinciale – servono altre forme di sostegno finanziario intersettoriale e i relativi sgravi burocratici, per esempio di natura fiscale.

L’Unione chiama infine in causa anche il mondo bancario, soprattutto le autorità di vigilanza della Banca d’Italia e della BCE, cui si chiede di prendere i provvedimenti necessari affinché sia possibile garantire dilazioni e prolungamenti di mutui senza effetti negativi per l’affidabilità creditizia delle micro, piccole e medie aziende. “In questo modo le aziende avranno il necessario tempo e spazio di manovra per superare eventuali situazioni di difficoltà”, conclude il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

07/07/2020

Nuove norme per le aperture domenicali e festive nel vicino Trentino

La Provincia Autonoma di Trento ha recentemente emanato una legge provinciale con la quale ha rinnovato la regolamentazione degli orari di apertura reintroducendo le chiusure domenicali e festive. La legge provinciale trentina prevede una chiusura ...
 
 

03/07/2020

#ripartire significa anche shopping serale in Alto Adige

Diventati ormai parte integrante del programma estivo dell’Alto Adige, negli anni passati le circa 200 serate di shopping, con il loro vario programma di contorno, hanno animato un quarto dei centri urbani dell’Alto Adige. “Si è trattato sempre di ...
 
 

30/06/2020

“Chi vuol diventare programmatore, comincia presto a esercitarsi”

Con “Coding4Kids” un gruppo di aziende dei prestatori di servizi IT e internet nonché dei pubblicitari Target nell’Unione ha dato vita a un nuovo progetto nel panorama altoatesino. “L’obiettivo è utilizzare il periodo estivo ...
 
 

24/06/2020

EbK, interventi straordinari a sostegno del reddito:

Per rispondere alle necessità di lavoratori e aziende generate dalla crisi economica legata alla pandemia di Coronavirus, l’Ente bilaterale per il settore terziario (EbK) ha recentemente elaborato quattro nuove prestazioni straordinarie ...