Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
03/07/2018

Contro la reintroduzione della causale nei contratti a termine

“Il commercio e i servizi hanno bisogno di flessibilità”

Il cosiddetto “Decreto dignità”, la cui proposta è stata approvata di recente dal Consiglio dei ministri a Roma, prevede, tra le altre cose, la reintroduzione della causale nei contratti a termine. L’Unione è molto critica verso questa decisione, perché non limiterà solo l’utilizzo di contratti a termine, ma genererà anche ulteriore incertezza e, allo stesso tempo, maggiori costi per le aziende.

“Specialmente per il settore commercio e servizi, questa nuova limitazione nell’assunzione di collaboratori appare particolarmente problematica, perché le aziende necessitano di strumenti di flessibilità legati alla stagionalità e alla situazione congiunturale”, critica il presidente dell’Unione Philipp Moser, che interpreta il decreto come un segnale negativo da parte del nuovo governo.

Fino ad ora i contratti a termine potevano essere prolungati senza indicazione della causale per cinque volte consecutive fino a 36 mesi. La proposta di decreto legge prevede ora, tra l’altro, che i contratti a termine oltre i 12 mesi possano essere stipulati solo in presenza di un motivo legittimo. La durata complessiva dei contratti a termine non può in nessun caso superare i 24 mesi.

 
“La problematica di questa nuova regolamentazione sta nel fatto che la causale lascia sempre spazio alle più diverse interpretazioni, generando grande incertezza e, nei casi peggiori, anche una maggiore insorgenza di conflitti di lavoro”, spiega Moser, che ricorda anche che, dall’introduzione del Jobs Act, le liti in ambito professionale erano fortemente calate.

“Inoltre dovrebbero crescere i costi per le aziende, perché, in presenza di contratti a termine, sono previsti maggiori contributi e maggiori risarcimenti in caso di licenziamento illegittimo. Questa decisione non va a vantaggio delle aziende, che hanno invece bisogno di flessibilità e devono anche fare i conti con costi più alti”, ribadisce il presidente dell’Unione.

L’Unione sottolinea infine di essere anche comunque contro i rapporti di lavoro precari. “Tuttavia continuiamo ad avere bisogno di una certa flessibilità per poter reagire alle oscillazioni economiche. E questa flessibilità non può andare esclusivamente a carico delle aziende”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/03/2019

Aperture domenicali e festive: colloquio al vertice a Bolzano

Di recente l’Unione ha espresso riserve sulla nuova proposta formulata dalle associazioni nazionali della grande distribuzione e del commercio – tra cui anche l’associazione di riferimento nazionale Confcommercio – relativamente al tema delle ...
 
 

19/03/2019

Per centri urbani vivi e attrattivi

“Suscitare l’entusiasmo dei nostri giovani per le professioni del commercio e dei servizi: questo è uno dei compiti fondamentali della nostra associazione”, ha affermato il presidente mandamentale dell’Unione di Merano/Burgraviato Johann ...
 
 

15/03/2019

Incentivare la collaborazione nel mandamento

“Le nostre molte aziende, piccole e a conduzione familiare, assicurano la vitalità dei centri urbani e offrono posti per la formazione dei nostri giovani”, ha affermato il presidente mandamentale dell’Unione in Val Venosta Dietmar Spechtenhauser in ...
 
 

14/03/2019

Commercio al dettaglio: nuova proposta per una regolamentazione delle aperture domenicali e festive

Negozi chiusi in occasione di 12 festività nazionali e, in aggiunta, di altre quattro festività autonomamente stabilite a livello regionale – ma solo per le aziende commerciali con superficie di vendita oltre i 400 metri quadrati. Tutti gli altri ...