Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
09/10/2019

Commercio in zona produttiva: superfici commerciali illegittime a Bolzano Sud

L’Unione: “Più certezza del diritto per gli imprenditori”

Il presidente dell'Unione Philipp Moser
In questi giorni due sentenze del Consiglio di Stato hanno dichiarato illegittimi 6.100 metri quadrati di superficie commerciale a Bolzano Sud. In questo modo, dopo il Tribunale amministrativo di Bolzano, anche l’alto organo di giudizio di Roma ha confermato la linea del diritto. “Un’ulteriore conferma della validità delle nostre leggi in materia di commercio e urbanistica”, sottolinea con soddisfazione l’Unione.

“Con questa nuova sentenza viene ancora una volta confermata la chiarezza giuridica relativamente al regolamento del commercio al dettaglio nelle zone produttive. Riguardo alla limitazione del commercio al dettaglio in zona produttiva ai soli beni ingombranti non esiste più alcuna incertezza normativa”, precisa il presidente dell’Unione Philipp Moser. Queste sentenze sono solo la conseguenza delle norme vigenti in materia di urbanistica, che seguono il principio secondo il quale il commercio al dettaglio vada esercitato prevalentemente nei centri urbani e nelle zone residenziali, e che sia invece limitato a precise eccezioni – come appunto i beni ingombranti – all’interno delle zone produttive.

Per poter escludere a priori questo e altri casi analoghi in futuro, il nuovo Ordinamento del commercio prevede che l’esercizio del commercio al dettaglio a partire da superfici commerciali di 800 metri quadrati (in Comuni fino a 10.00 abitanti) e di 1.500 metri quadrati (in Comuni sopra i 10.000 abitanti) richieda la relativa autorizzazione commerciale. In questi casi la semplice segnalazione certificata di inizio attività (Scia), come nel caso specifico, non è più sufficiente. “Ciò comporta anche una maggiore sicurezza giuridica e di programmazione per le aziende”, aggiunge Moser. La relativa proposta di legge è stata recentemente approvata dalla Giunta provinciale e sarà ora discussa ed emanata come legge dal Consiglio provinciale.

Il presidente dell’Unione torna anche a richiamare il senso e lo scopo del divieto di commercio al dettaglio in zona produttiva: “Il commercio deve poter nascere e svilupparsi all’interno dei centri urbani, non al di fuori di essi. L’Alto Adige ha bisogno di centri urbani vivi, vitali e attrattivi, sia nelle zone cittadine che in quelle rurali. Essi, poi, vivono degli accessi delle persone, che li visitano per i motivi più disparati. E, insieme alle altre attività di qualche importanza a livello locale, come la gastronomia, l’artigianato locale e i servizi, il commercio ne è una parte fondamentale. Ecco perché dovrebbe rimanere nelle zone residenziali, così da mantenere anche sul lungo termine l’elevato valore sociale ed economico dei nostri paesi e città”.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/10/2020

e-commerce: “Basta con l’attuale Far West!”

Per l’Unione rappresenta una dichiarazione di bancarotta internazionale: l’introduzione di una web tax per i giganti del commercio online, prevista entro il 2020, è stata posticipata al 2021.

“Alcuni giorni fa l’Organizzazione ...
 
 

28/10/2020

Assemblea generale ed elezioni per l’Associazione mediatori dell’Alto Adige

Attualmente, in Alto Adige, nel Registro delle imprese sono iscritte 359 aziende con attività di intermediazione. Di recente, presso la Cantina Merano, e sotto la guida del presidente uscente Herbert Arquin, si è tenuta l’annuale assemblea generale ...
 
 

26/10/2020

Nuova fase con la nuova ordinanza d’urgenza

“La nuova ordinanza d’urgenza della Provincia va nella direzione giusta. Dobbiamo proseguire con l’attività dei tre pilastri economia, lavoro e scuola, seppure in una forma leggermente ridotta. Meglio attenersi ora a regola più ...
 
 

23/10/2020

Il futuro del commercio su aree pubbliche in grave pericolo

Nell’ultima ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale è previsto che, in materia di mercati di rilevanza comunale, i sindaci possano adottare ulteriori misure restrittive. “I commercianti ambulanti non sono disposti a fare da capro ...