Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
05/11/2020

Commercio al dettaglio aperto nelle zone rosse – E in Alto Adige, giallo, no?!

Il presidente dell’Unione Philipp Moser: “Non capiamo più il mondo! Qualcosa bolle in pentola!”

“Il commercio in Alto Adige non capisce più il mondo!” afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser commentando l’attuale situazione circa il commercio al dettaglio. “Possiamo ancora capire come, nella nostra situazione di autonomia, e per la volontà di essere il più prudenti possibile, ci siamo classificati addirittura zona rossa. Ciò che invece ci sembra assolutamente incomprensibile è che applichiamo norme più severe delle zone rosse nel resto d’Italia. Non è una cosa che possiamo accettare così, semplicemente!”

Sorprendentemente, l’Alto Adige è stato classificato dallo Stato come una zona gialla, a rischio minore. “Mentre in Alto Adige, che secondo l’Italia è zona gialla, il commercio al dettaglio dovrà rimanere chiuso fino al 22 novembre, le attività commerciali che qui sono vietate potranno continuare a tenere aperto addirittura nelle zone rosse del resto d’Italia. Ne fanno parte sette settori, tra i quali, per esempio, i negozi di giocattoli, i negozi di articoli sportivi e il commercio ambulante. Ormai non ci si capisce più niente”, ammette Moser.

L’Unione chiede alla Giunta provinciale e, soprattutto, al presidente provinciale e al competente assessore, di parificare la situazione giuridica in Alto Adige. “Questa inconcepibile disparità di trattamento non è ammissibile – da parte di nessuno! Come fa un imprenditore, con tutti i suoi collaboratori, a mandare avanti la sua attività in questa situazione di gravità a dir poco eccezionale?” si chiede il presidente dell’Unione.

Per ribadire il concetto: anche in epoca di Coronavirus, fare acquisti in Alto Adige è sempre stato sicuro. Il commercio non è assolutamente uno Hotspot. “Specialmente il commercio stazionario lotta da mesi con enormi difficoltà, ed è una delle vittime principali di questa crisi. Questa chiusura forzata è semplicemente inaccettabile. Tutto il settore in Alto Adige è in subbuglio. Qualcosa bolle in pentola”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

04/03/2021

SIAE, riduzione tariffe e posticipo per il pagamento

Tenuto conto della ridotta attività dei pubblici esercizi in questo inizio 2021, la SIAE ha deciso non solo di riconoscere un 15 percento di riduzione delle tariffe per la musica d’ambiente, ma di posticipare ulteriormente il termine per il rinnovo ...
 
 

02/03/2021

Agenti e rappresentanti di commercio nell’Unione: “Ora serve un sostegno rapido e non burocratico da parte della Provincia!“

In breve tempo dovrebbe essere possibile presentare le richieste di sostegno per le aziende altoatesine che, negli ultimi 12 mesi, abbiano subito gravi perdite finanziarie. Questo, almeno, è quanto ha annunciato la Giunta provinciale. “I diversi ...
 
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

27/02/2021

Covid-19, restrizioni prorogate fino al 14 marzo

Il presidente della giunta provinciale Arno Kompatscher ha firmato venerdì 26 febbraio 2021 l’ordinanza d`urgenza n. 10 (vedi tra i download): tutte le attuali regole restano in vigore fino al 14 marzo. Per quanto riguarda gli ...