Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
12/09/2019

Commercianti soddisfatti del risultato economico

Il clima di fiducia nel commercio al dettaglio e nel settore del commercio e della riparazione di veicoli peggiora leggermente rispetto allo scorso anno. La redditività viene comunque giudicata soddisfacente dalla grande maggioranza delle imprese. Ciò emerge dall’edizione estiva del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano.

La redditività nel 2019 viene giudicata positivamente dall’86 percento delle imprese del commercio al dettaglio altoatesino. Rispetto allo scorso anno, però, sono diminuiti gli esercenti che confidano in un risultato d’esercizio davvero “buono” e quasi tutti segnalano una redditività solo “soddisfacente”.

In particolare, nonostante un leggero incremento dei prezzi di vendita, il volume di affari non è aumentato rispetto allo scorso anno e si registra addirittura un calo per quanto riguarda la clientela di altre province italiane. Molti commercianti lamentano un incremento dei costi e un peggioramento della situazione competitiva, nonché un aggravamento delle condizioni di accesso al credito.

Si osservano inoltre grandi differenze tra i diversi comparti merceologici. Il clima di fiducia migliore si riscontra nel commercio fuori sede fissa (ambulante e online), dove quasi un terzo degli operatori confida quest’anno in una redditività davvero “buona”. Indicazioni positive provengono anche dai supermercati, che segnalano fatturati ed investimenti in crescita. Le maggiori difficoltà emergono invece nel commercio di mobili e articoli di arredamento, con oltre un terzo delle imprese che prevede un risultato economico insoddisfacente nel 2019.

“Se l’aliquota IVA dovesse essere aumentata, i consumi crollerebbero. Gli imprenditori hanno più che mai bisogno di sicurezza nella programmazione e certezza del diritto. È necessario inoltre che si provveda con urgenza a introdurre una reale equità nella tassazione tra commercio stazionario e online”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

28/05/2020

Musica d’ambiente, le nuove scadenze

La SIAE ha recentemente comunicato la proroga del pagamento del diritto di autore sulla diffusione di musica d’ambiente. I termini di pagamento sono i seguenti:
31 maggio 2020, relativo al diritto d'autore per GDO e negozi di ...
 
 

27/05/2020

Pubblici esercizi, regole meno severe per mascherine e distanze

La Giunta provinciale martedì, 26 maggio 2020 ha deciso di prendere nuovamente in esame le norme per la tutela dal Coronavirus ed ha deciso di adottare una serie di adeguamenti che riguardano in particolare l’allegato A della legge provinciale n. 4 ...
 
 

18/05/2020

Inizia la fase 2 in Italia. E l'Alto Adige?

Con il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 17 maggio 2020 l’Italia ha avviato la Fase 2 anche per quanto riguarda commercio e gastronomia. A questo proposito l’Unione ricorda che, come in precedenza, a risultare valida è la legge ...
 
 

12/05/2020

“Ringraziare i collaboratori e trattenere il denaro in provincia!”

L’apprezzamento per la carta valore monni card è sempre maggiore. Sempre più aziende altoatesine la utilizzano per ringraziare i propri collaboratori per il lavoro e l’impegno in questo periodo di difficoltà, commenta con ...