Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
19/10/2018

Chiusura anticipata dei tavolini all’aperto in centro storico a Bolzano

“Il centro storico deve rimanere un polo di attrazione”

Diego Bernardi, rappresentante della gastronomia nella Giunta esecutiva dell’Unione
Questa settimana, in seno alla Commissione consiliare per le attività economiche del Comune di Bolzano, è stato presentato un nuovo progetto che prevede la chiusura serale anticipata dei tavolini esterni dei locali del centro storico. La proposta prevede la chiusura alle ore 23.00 o 24.00, mentre le sale interne dei locali potrebbero rispettare il consueto orario di chiusura.

“Non possiamo in alcun modo essere favorevoli a questa proposta. I tavolini esterni sono senza dubbio un elemento di vivacità dell’ambiente urbano, sia per i molti residenti che li frequentano che, ovviamente, per turisti e ospiti”, afferma Diego Bernardi, rappresentante della gastronomia nella Giunta esecutiva dell’Unione. Bolzano e il suo centro storico sono diventati un punto di attrazione che deve essere ulteriormente valorizzato, e non depotenziato.

 
Il problema del rumore in alcune zone del centro storico dovrebbe invece essere affrontato con altri messi e con molto lavoro di sensibilizzazione. Restrizioni, divieti o anticipo degli orari di chiusura sono la strada sbagliata. Il rumore, inoltre, viene spesso causato da persone che non siedono ai tavolini esterni o che non sostano di fronte ai locali. In passato l’Unione aveva partecipato e anche lanciato in prima persona campagne di sensibilizzazione sul tema del rumore.

“Dal punto di vista strettamente pratico, poi, la differenza di orario di chiusura tra esterno e interno del locale appare di difficile gestione: gli ospiti dovrebbero infatti essere allontanati o accompagnati all’interno del locale, e gli arredi e gli accessori esterni dovrebbero essere smontati o spostati”, precisa Pietro Perez, responsabile per la gastronomia nell’Unione.

L’Unione spera ora che, grazie a un confronto con l’amministrazione comunale, al competente assessore comunale e in occasione della discussione della proposta di regolamento, sia ancora possibile introdurre misure correttive e migliorative. “Ciò che va evitato a tutti i costi è che il provvedimento vada a esclusivo svantaggio dei gestori dei locali”, conclude l’Unione.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

19/07/2019

Sarentino, visita dell'Unione al nuovo sindaco Reichsigl

Si è recentemente avuta l’occasione di fare una visita inaugurale al neoeletto sindaco del Comune di Sarentino Christian Albert Reichsigl, raggiunto dal fiduciario comunale dell’Unione Alfons Innererbner e dalla caposede mandamentale Judith Müller ...
 
 

18/07/2019

Daniel Schönhuber è il nuovo presidente mandamentale dell’Unione in Pusteria

Il direttivo mandamentale dell’Unione della Val Pusteria ha recentemente eletto un nuovo presidente mandamentale. Daniel Schönhuber di Brunico sarà il presidente per i prossimi anni rappresentando il mandamento verso l’esterno. Al suo fianco ci sono ...
 
 

16/07/2019

La Cassa Raiffeisen Bassa Atesina sponsorizza le iniziative dell’Unione

A Laives, molte aziende piccole e familiari nel commercio a dettaglio offrono una vasta offerta, sostengono la vitalità del centro urbano e ricoprono un importante ruolo sociale. Garantiscono anche il commercio di vicinato e contribuiscono in tal ...
 
 

12/07/2019

Bolzano, incontro tra Unione e assessore all’economia Stephan Konder

Si è tenuto oggi (venerdì, 12 luglio) un cordiale incontro tra una delegazione dell’Unione di Bolzano composta dai due fiduciari comunali Thomas Rizzolli e Simone Buratti, nonché dalla caposede dell’Unione per la città di Bolzano Marcella Macaluso, ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott. Pietro Perez

Responsabile monni
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 509
M: 335 377 500
E-mail: