17/11/2021

Cancellare i Mercatini di Natale non dovrebbe essere un’opzione

Il presidente Philipp Moser: “Niente azioni una tantum, ma un piano generale!”

C: IDM Südtirol-Alto Adige/Alex Filz
La decisione della Giunta provinciale, di permettere quest’anno lo svolgimento dei mercatini di Natale, pur nel rispetto di severe norme di sicurezza, era ed è ancora un segno positivo e di responsabilità che va a rafforzare l’attrattività e la vitalità dei paesi e città dell’Alto Adige, afferma l’Unione. “Voler rimettere ora tutto in discussione solo per una reazione di panico e pensare a un annullamento a così poco dal via, è assolutamente infondato e, soprattutto, irresponsabile. L’impressione che si riceve è di voler fare dei mercatini una sorta di capro espiatorio per evitare l’introduzione di provvedimenti di altro tipo. Si tratterebbe invece di una reazione immotivata, priva di un piano più generale e senza che si tenga in alcun conto il quadro complessivo”, critica il presidente dell’Unione Philipp Moser.

“Sì, abbiamo un problema, ma questo problema non si risolve con azioni una tantum! Anche l’idea di bloccare 18 Comuni va nella stessa direzione. Ci servono soluzioni e non chiacchiere. La realtà è che le persone vaccinate dovrebbero godere di vantaggi concreti, anche come premio per la responsabilità sociale mostrata”, sottolinea il presidente dell’Unione.

“In questa fase critica per datori di lavoro e lavoratori, una mera cancellazione dei mercatini dimostrerebbe scarsa lungimiranza e non aiuterebbe nessuno. Gli imprenditori hanno già investito tempo e denaro, anche assumendo i necessari collaboratori. La conseguenza sarebbe un danno enorme!”, chiarisce Moser, che auspica un ripensamento della Giunta provinciale.

Se la situazione si dovesse prolungare, allora sarà senza dubbio necessario introdurre misure di sicurezza più severe – come la regola 2G. “Ma limitarsi a cancellare non può essere la soluzione!”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

03/12/2021

I commercianti ambulanti nell’Unione tracciano un bilancio con alti e bassi

I commercianti ambulanti nell’Unione tracciano un bilancio di fine anno: “Anche la passata stagione del commercio ambulante in Alto Adige deve essere descritta come altalenante. L’unico aspetto positivo è che i mercati di approvvigionamento ...
 
 

30/11/2021

Shopping d’Avvento: “Il fascino del Natale – Brunico” con grande gioco a premi

Come speciale iniziativa per sostenere la vitalità del centro storico di Brunico, durante l’Avvento di quest’anno, il locale gruppo comunale dell’Unione in collaborazione con l’associazione turistica di Brunico e i partner Cassa Raiffeisen Brunico ...
 
 

29/11/2021

L’Unione organizza visite aziendali per studenti con background migratorio:

Tra i progetti per i giovani dell’Unione sono comprese anche le visite aziendali per giovani e studenti. In questo campo l’associazione intende porsi come punto di contatto tra futuri professionisti e locale mondo del lavoro. “Il commercio, i ...
 
 

24/11/2021

Gestori di centri fitness e aziende del settore salute: “Perso più del 50 percento del fatturato”

Dopo che, nelle scorse settimane e mesi, molte aziende dell’economia altoatesina avevano potuto tornare a una situazione di quasi normalità, le palestre e i centri fitness sono ancora costrette a lottare contro estese limitazioni e gravi difficoltà ...