Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
12/10/2020

Calano gli acquisti di domenica

Il presidente dell’Unione Philipp Moser: “È arrivato il momento di tornare a regolamentare autonomamente gli orari di apertura dei negozi!”

Gli ultimi mesi l’hanno messo chiaramente in evidenza: l’apertura dei negozi alla domenica non è più una necessità, sottolinea l’Unione. “Nelle domeniche aperte non si fanno quasi più acquisti e, ciononostante, le persone vivono ugualmente e sono ben approvvigionate”, precisa il presidente dell’Unione Philipp Moser sintetizzando la situazione.

Questa circostanza è stata ribadita da una recente dichiarazione di Harald Antley, membro del consiglio d’amministrazione – e futuro presidente del consiglio stesso – del più grande gruppo di commercio al dettaglio di alimentari in Alto Adige, il quale ha ammesso il calo delle vendite nelle giornate di sabato e domenica. Le persone si sarebbero quindi abituate a compiere i propri acquisti maggiormente da lunedì a venerdì e anche, almeno generalmente, a un orario anticipato. Alle 19.00, infatti, le filiali sono in parte già vuote. “Queste esperienze ci insegnano che non esiste più alcuna necessità di tenere i negozi aperti alla domenica e nei festivi. Nel frattempo, inoltre, la sensibilità verso il riposo domenicale ha assunto una posizione prioritaria”, aggiunge Moser.

L’Unione continuerà a portare avanti il proprio impegno per una reintroduzione di orari di apertura regolamentati e, in particolare, per una nuova regolamentazione delle aperture domenicali e festive. A fine luglio la Commissione dei 12 ha già dato il via libera per la norma di attuazione necessaria a una regolamentazione autonoma delle aperture domenicali e festive nelle Province Autonome di Bolzano e Trento. La proposta della Commissione di autonomia è stata inoltrata ai competenti ministeri per l’approvazione.

Da sempre l’Unione è a favore di una normativa locale degli orari di apertura e di una regolamentazione delle aperture domenicali che tuteli la varietà del commercio altoatesino. “Abbiamo bisogno di una soluzione su misura delle necessità dell’Alto Adige, che preveda anche eccezioni per le località turistiche nonché per le aziende del commercio di vicinato e della tradizione”, ricorda il presidente dell’Unione.

Le domeniche e i festivi appartengono alle famiglie, ai nostri valori e al giusto riposo. Le domeniche non viene generato ulteriore fatturato; quello settimanale viene solo suddiviso in sette giorni – a tutto svantaggio delle nostre numerose imprese familiari con i loro collaboratori, riassume l’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

28/10/2020

Assemblea generale ed elezioni per l’Associazione mediatori dell’Alto Adige

Attualmente, in Alto Adige, nel Registro delle imprese sono iscritte 359 aziende con attività di intermediazione. Di recente, presso la Cantina Merano, e sotto la guida del presidente uscente Herbert Arquin, si è tenuta l’annuale assemblea generale ...
 
 

26/10/2020

Covid-19, misure più restrittive in Alto Adige

Da lunedì 26 ottobre 2020 e fino a martedì 24 novembre 2020 è in vigore una nuova ordinanza d’urgenza del Presidente della Giunta provinciale (vedi in fondo alla pagina sotto i download) in tutto il territorio provinciale con misure ...
 
 

26/10/2020

Nuova fase con la nuova ordinanza d’urgenza

“La nuova ordinanza d’urgenza della Provincia va nella direzione giusta. Dobbiamo proseguire con l’attività dei tre pilastri economia, lavoro e scuola, seppure in una forma leggermente ridotta. Meglio attenersi ora a regola più ...
 
 

23/10/2020

Il futuro del commercio su aree pubbliche in grave pericolo

Nell’ultima ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale è previsto che, in materia di mercati di rilevanza comunale, i sindaci possano adottare ulteriori misure restrittive. “I commercianti ambulanti non sono disposti a fare da capro ...