02/11/2020

Caffè e torte al tempo del Coronavirus: I pasticceri nell’Unione richiedono parità di trattamento

Il presidente Paul Wojnar: “Decisioni non giustificabili”

La politica limita la vita sociale con l’obiettivo di mettere un freno alla pandemia di Coronavirus. “Per i pasticceri e i loro clienti c’è un dettaglio di cui tenere conto, piccolo ma ingiustificabile: caffè e torte possono (ancora) essere presi fuori casa, ma non più nelle pasticcerie”, afferma il presidente dei pasticceri nell’Unione Paul Wojnar.

“Che ognuno sia chiamato a dare il proprio contributo alla lotta contro la diffusione del Covid-19, comprese quindi le pasticcerie con i loro caffè – è giusto e comprensibile: da mesi ospitiamo meno clienti per rispettare il distanziamento, puliamo e disinfettiamo regolarmente e indossiamo sempre la mascherina, perché il sistema sanitario non deve collassare”, prosegue Wojnar. Ma nemmeno l’economia dovrebbe farlo.

L’economia dell’Alto Adige, spesso presa a esempio per la sua struttura capillare, è basata sulle aziende familiari e sull’abilità artigianale dei professionisti altoatesini, ben nota anche oltre i confini provinciali. “Fanno parte di questa struttura anche i pasticceri, con i loro piccoli e raffinati caffè, che conquistano turisti e residenti con le proprie dolci creazioni, sia tradizionali che innovative”, ricorda il presidente dei pasticceri nell’Unione.

La settimana scorsa, però, la categoria ha ricevuto un duro colpo: sia i caffè annessi alle pasticcerie che i bar hanno dovuto chiudere. Dopo poche ore è giunto un piccolo spiraglio di speranza: la chiusura non dovrà avvenire da lunedì a venerdì, bensì al sabato e alla domenica. E questo contrariamente a quanto previsto per osterie e ristoranti, che potranno rimanere aperti.

Il risultato: “Chi, sabato scorso, ha fatto una passeggiata, per esempio nel centro storico di Bolzano, fin dal primo mattino ha visto ristoranti pieni di clienti che ordinano caffè, dolci o un aperitivo mattutino. In aziende gastronomiche che seguono le stesse identiche regole delle pasticcerie. Ma queste ultime devono rimanere chiuse – per la meraviglia e anche l’irritazione dei nostri fedeli clienti. Si tratta di un evidente caso di disparità di trattamento”, ribadisce Wojnar.

È prevedibile che seguiranno misure ancora più severe. “Ma rivolgiamo fin d’ora una richiesta alla Provincia, per quando si potrà riprendere con la vita sociale: anche i pasticceri sono parte di questo sistema e hanno diritto a una parità di trattamento”, conclude Wojnar.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

30/11/2021

Shopping d’Avvento: “Il fascino del Natale – Brunico” con grande gioco a premi

Come speciale iniziativa per sostenere la vitalità del centro storico di Brunico, durante l’Avvento di quest’anno, il locale gruppo comunale dell’Unione in collaborazione con l’associazione turistica di Brunico e i partner Cassa Raiffeisen Brunico ...
 
 

29/11/2021

L’Unione organizza visite aziendali per studenti con background migratorio:

Tra i progetti per i giovani dell’Unione sono comprese anche le visite aziendali per giovani e studenti. In questo campo l’associazione intende porsi come punto di contatto tra futuri professionisti e locale mondo del lavoro. “Il commercio, i ...
 
 

24/11/2021

Gestori di centri fitness e aziende del settore salute: “Perso più del 50 percento del fatturato”

Dopo che, nelle scorse settimane e mesi, molte aziende dell’economia altoatesina avevano potuto tornare a una situazione di quasi normalità, le palestre e i centri fitness sono ancora costrette a lottare contro estese limitazioni e gravi difficoltà ...
 
 

24/11/2021

Nei Comuni rossi i negozi sono ancora aperti

Come noto, secondo la recente ordinanza, per 20 Comuni dell’Alto Adige saranno in vigore regole più severe almeno fino al 7 dicembre. L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige sottolinea però espressamente che, in questi Comuni, tutte le aziende ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Petra Blasbichler

Categorie
Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 507
E-mail: