Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
02/11/2020

Caffè e torte al tempo del Coronavirus: I pasticceri nell’Unione richiedono parità di trattamento

Il presidente Paul Wojnar: “Decisioni non giustificabili”

La politica limita la vita sociale con l’obiettivo di mettere un freno alla pandemia di Coronavirus. “Per i pasticceri e i loro clienti c’è un dettaglio di cui tenere conto, piccolo ma ingiustificabile: caffè e torte possono (ancora) essere presi fuori casa, ma non più nelle pasticcerie”, afferma il presidente dei pasticceri nell’Unione Paul Wojnar.

“Che ognuno sia chiamato a dare il proprio contributo alla lotta contro la diffusione del Covid-19, comprese quindi le pasticcerie con i loro caffè – è giusto e comprensibile: da mesi ospitiamo meno clienti per rispettare il distanziamento, puliamo e disinfettiamo regolarmente e indossiamo sempre la mascherina, perché il sistema sanitario non deve collassare”, prosegue Wojnar. Ma nemmeno l’economia dovrebbe farlo.

L’economia dell’Alto Adige, spesso presa a esempio per la sua struttura capillare, è basata sulle aziende familiari e sull’abilità artigianale dei professionisti altoatesini, ben nota anche oltre i confini provinciali. “Fanno parte di questa struttura anche i pasticceri, con i loro piccoli e raffinati caffè, che conquistano turisti e residenti con le proprie dolci creazioni, sia tradizionali che innovative”, ricorda il presidente dei pasticceri nell’Unione.

La settimana scorsa, però, la categoria ha ricevuto un duro colpo: sia i caffè annessi alle pasticcerie che i bar hanno dovuto chiudere. Dopo poche ore è giunto un piccolo spiraglio di speranza: la chiusura non dovrà avvenire da lunedì a venerdì, bensì al sabato e alla domenica. E questo contrariamente a quanto previsto per osterie e ristoranti, che potranno rimanere aperti.

Il risultato: “Chi, sabato scorso, ha fatto una passeggiata, per esempio nel centro storico di Bolzano, fin dal primo mattino ha visto ristoranti pieni di clienti che ordinano caffè, dolci o un aperitivo mattutino. In aziende gastronomiche che seguono le stesse identiche regole delle pasticcerie. Ma queste ultime devono rimanere chiuse – per la meraviglia e anche l’irritazione dei nostri fedeli clienti. Si tratta di un evidente caso di disparità di trattamento”, ribadisce Wojnar.

È prevedibile che seguiranno misure ancora più severe. “Ma rivolgiamo fin d’ora una richiesta alla Provincia, per quando si potrà riprendere con la vita sociale: anche i pasticceri sono parte di questo sistema e hanno diritto a una parità di trattamento”, conclude Wojnar.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

02/03/2021

Agenti e rappresentanti di commercio nell’Unione: “Ora serve un sostegno rapido e non burocratico da parte della Provincia!“

In breve tempo dovrebbe essere possibile presentare le richieste di sostegno per le aziende altoatesine che, negli ultimi 12 mesi, abbiano subito gravi perdite finanziarie. Questo, almeno, è quanto ha annunciato la Giunta provinciale. “I diversi ...
 
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

26/02/2021

Anche i grossisti altoatesini nel settore dei beni per gli allestimenti e gli investimenti lamentano gravi perdite

I commercianti all’ingrosso dell’Alto Adige nel settore non alimentare lottano ormai da mesi con gravi perdite. “A causa dei ripetuti lockdown nel settore turistico, queste aziende stanno subendo seri cali di fatturato”, afferma Werner ...
 
 

19/02/2021

Sempre più apprezzati gli acquisti locali e sostenibili

In un recente studio, il noto Istituto per la ricerca commerciale IFH di Colonia ha messo sotto la lente d’ingrandimento le abitudini di consumo durante la pandemia, confrontandosi soprattutto con gli aspetti della regionalità e della sostenibilità ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Petra Blasbichler

Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 507
E-mail: