Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
15/05/2019

Buono il clima nel settore dei servizi

Il clima di fiducia nel settore dei servizi in Alto Adige rimane su livelli molto positivi, con nove operatori su dieci che nel 2018 hanno raggiunto un risultato economico almeno soddisfacente. Le aspettative sono elevate anche per l’anno in corso, tanto che il 93 percento delle imprese confida in una redditività soddisfacente nel 2019. A stabilirlo è il Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano.

Lo scorso anno quasi un’impresa su due ha visto crescere il proprio fatturato, in parte anche grazie all’incremento dei prezzi alla clientela. Il volume d’affari è aumentato soprattutto sul mercato locale altoatesino, ma vi sono stati incrementi anche con la clientela delle altre province italiane. La dinamica degli investimenti è stata altrettanto positiva, soprattutto per quanto riguarda apparecchiature e fabbricati. Anche le valutazioni degli operatori riguardo alla competitività dell’impresa e alla puntualità della clientela nei pagamenti sono leggermente migliorate. Le condizioni di accesso al credito sono invece giudicate stabili. Per il 2019 si prevede un ulteriore aumento dei fatturati, con prezzi in crescita e condizioni di mercato ancora favorevoli. Anche gli investimenti dovrebbero continuare ad aumentare, seppur con minore intensità rispetto allo scorso anno.

A livello delle singole branche, il miglior clima di fiducia si riscontra tra gli operatori dei servizi alle imprese e del comparto finanziario. In particolare, le banche segnalano un aumento dei depositi e del volume creditizio, nonché il miglioramento della solvibilità dei clienti. Per il 2019 vi è ottimismo anche nel comparto dell’editoria e della comunicazione, dopo che lo scorso anno era stato piuttosto difficile. Qualche difficoltà si rileva invece nell’ambito dei servizi alla persona, dove circa un quinto delle imprese lamenta una redditività insoddisfacente.

“Il fatto che il settore dei ‘Servizi alle imprese’ presenti il miglior clima di fiducia è di particolare soddisfazione. Ora occorre rendere l’Alto Adige ancora più attraente per le aziende creative e i giovani. Per attirare i necessari talenti bisognerebbe, tra le altre cose, trovare una soluzione al problema abitativo. Inoltre, le aziende locali dovrebbero essere tenute in maggior considerazione in occasione dei bandi pubblici”, afferma Barbara Jäger, presidente dei prestatori di servizi nell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

05/01/2021

Dal 7 gennaio apertura per commercio, gastronomia e tutti i servizi

Con l’ordinanza d’urgenza n. 1 del 05.01.2021 il presidente provinciale ha emanato nuovi provvedimenti

Commercio e servizi

A partire dal 7 gennaio 2021 potrà riaprire tutto il commercio al dettaglio nonché ...
 
 

28/11/2020

Dal 30 novembre riaprono alcune attività

Il presidente della Giunta provinciale Arno Kompatscher ha sottoscritto l’ordinanza d’urgenza n. 73. Le principali misure:

 
 

19/11/2020

Screening Coronavirus, integrazione protocollo di sicurezza

Con un’apposita interpretazione del Presidente provinciale (interpretazione del 16.11 relativa all’ordinanza d’urgenza nr. 69 del 12.11.2020), è stato fornito un importante chiarimento circa l’impiego del personale dopo lo screening test.
 
 

18/11/2020

Gli artisti dell’Alto Adige vogliono apparire più uniti e forti

Su invito dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige e del Creative Director, regista e manager culturale Manfred Schweigkofler, circa 50 tra artisti e rappresentanti di associazioni culturali dell’Alto Adige si sono ...