Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
17/09/2019

Buone notizie per gli interpreti altoatesini

La categoria nell’Unione raggiunge una garanzia di qualità nei bandi pubblici

DDa sin. l’assessore provinciale Philipp Achammer con la presidente Ulrike Egger e i membri del Direttivo Evelyn Tarasconi ed Evi Dalcomune.
Alcune settimane fa l’Associazione interpreti Bolzano AIB aveva incontrato l’assessore provinciale competente, Philipp Achammer, per chiedere una maggiore considerazione per la categoria professionale nell’ambito dei bandi pubblici. “In particolare nell’amministrazione pubblica molti incarichi vengono aggiudicati secondo il criterio dell’offerta economica più vantaggiosa a offerenti da fuori provincia. Una concorrenza al ribasso con la quale non possiamo competere”, afferma l’Associazione interpreti che fa parte dell’Unione. Il mondo dell’economia altoatesina, invece, già da tempo apprezza i servizi dei traduttori e interpreti locali.

L’affidamento degli incarichi pubblici in Alto Adige avviene mediante il Mercato elettronico della provincia (MEPAB) che prevede dal 2017 il cosiddetto “catalogo dei servizi linguistici per le amministrazioni pubbliche in Alto Adige”. Può iscriversi a questo catalogo chi dichiara di soddisfare determinati requisiti, come ad esempio la conoscenza delle abitudini linguistiche regionali o delle particolarità linguistiche, culturali e amministrative della Provincia.

“Il problema sorge perché questi requisiti dovrebbero assicurare in via teorica che gli incarichi siano affidati a traduttori e interpreti che conoscono le peculiarità linguistiche e culturali della nostra provincia”, sottolinea l’Associazione. In pratica, però, i lavori vengono affidati a offerenti che non soddisfano i suddetti requisiti. “Le domande di iscrizione al catalogo andrebbero verificate da persone competenti in materia”.

L’assessore Achammer ha condiviso le richieste della categoria professionale sottoponendole alla Giunta provinciale, che ha ora provveduto a una soluzione del problema: a partire da gennaio 2020, infatti, sarà possibile eliminare questo tipo di servizi intellettuali dal catalogo delle merci e dei servizi nel portale degli appalti introducendo nuovi criteri di valutazione oggettivi all’insegna della qualità. A questo scopo dovrà essere elaborata una metodologia per l’assegnazione di servizi linguistici.

La presidente dell’Associazione interpreti Ulrike Egger e i membri del Direttivo dell’Associazione Evelyn Tarasconi ed Evi Dalcomune si sono detti soddisfatti. “In Alto Adige la lingua soffre di una scarsa qualità nelle traduzioni. Capita spesso che molte traduzioni in tedesco non siano in tedesco corretto, ma siano solo delle cattive traduzioni di un originale in italiano. La mancanza di un retroterra culturale riduce la qualità delle traduzioni. E questo è proprio l’aspetto che vorremo cambiare”, concludono i vertici della categoria professionale nell’Unione ringraziando i rappresentanti politici per la velocità con la quale è stata affrontata la problematica.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

22/01/2020

Brunico: nuova collocazione per il mercato settimanale

Nel marzo 2020 a Brunico prenderanno il via i lavori per la realizzazione del Noi Techpark. La zona interessata è l’area della stazione ferroviaria insieme a via Europa, dove, dal 1977, si tiene il mercato del mercoledì. Negli ultimi mesi un gruppo ...
 
 

10/01/2020

Negozi, niente prolungamento per l’imposta sostitutiva sui guadagni da affitto

L’Unione accoglie con disaccordo e incredulità la decisione di cancellare la proroga dell’imposta sostitutiva sui guadagni da affitto di locali commerciali nella Legge di bilancio. “L’imposta sostitutiva sui guadagni da affitto di immobili ...
 
 

03/01/2020

Confermati i contributi al commercio di vicinato per il 2020/2021

In occasione dell’ultima seduta dell’anno appena concluso, la Giunta provinciale ha deliberato di confermare, anche per il biennio 2020/2021, i contributi destinati all’apertura di un primo negozio di vicinato ovvero al mantenimento dell’unica ...
 
 

27/12/2019

I ricercatori auspicano l’introduzione di una tassa sulle restituzioni

I ricercatori in ambito economico dell’Università di Bamberg, specializzata nella ricerca sulle restituzioni in ambito commerciale, auspicano l’introduzione di una tassa sulle restituzioni nell’e-commerce. “Nell’ambito di un nuovo studio, gli ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Lorena Sala

Categorie
Capoarea
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 512
E-mail: