Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
11/01/2019

Bolkestein, definitivamente esclusi i commercianti ambulanti

Il presidente della categoria nell’Unione Andreas Jobstreibizer: “Ora serve un nuovo quadro normativo”

Il presidente dei commercianti ambulanti nell’Unione Andreas Jobstreibizer
La Legge di bilancio recentemente approvata dal Governo a Roma ha definitivamente escluso le aziende del commercio ambulante dalla cosiddetta Direttiva Bolkestein, cioè la legge europea del 2006 che, in nome della concorrenza e del libero scambio tra i Paesi UE, prevedeva – tra le altre cose – di rimettere a bando le concessioni del commercio ambulante. “Per tutta la categoria – afferma soddisfatto il presidente dei commercianti ambulanti nell’Unione Andreas Jobstreibizer – si tratta di allontanare una spada di Damocle sempre presente nonostante le numerose proroghe succedutesi in questi ultimi dieci anni”.

L’esclusione dei commercianti ambulanti dagli effetti della norma europea evita agli imprenditori del settore il pericolo di vedersi esclusi dall’assegnazione della concessione per un banale errore di forma. “Niente più bandi, niente più selezioni, niente più rilascio di concessioni limitate, niente più rischi di perdere il posto su cui lavori da una vita. Dopo tre anni di manifestazioni, iniziative, dibattiti, incontri e riunioni, finalmente possiamo dire di avere raggiunto il nostro obiettivo, a tutto vantaggio dei nostri associati e dei circuiti economici locali dei quali garantiscono la sopravvivenza”, sottolinea Jobstreibizer.
 
Ora la palla passa alla Provincia di Bolzano e ai Comuni dell’Alto Adige che, di fatto, in questi anni sono rimasti in attesa di capire il quadro normativo vigente. Spetterà infatti agli enti locali mettere mano al settore, riassegnare i posti vacanti e modificare i regolamenti del commercio su aree pubbliche per adeguare la situazione giuridica ai recenti avvenimenti.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

06/04/2020

Aprire tutti i negozi con le necessarie misure di sicurezza!

L’Unione rinnova il suo appello agli enti e autorità competenti per tornare a riapre tutti i negozi non alimentari dopo Pasqua.

“Ora abbiamo regole di sicurezza e prevenzione igienica chiare e univoche per venditori, ...
 
 

03/04/2020

L’Unione chiede sostegno alle aziende stazionarie da parte dell’e-commerce:

Dal 12 marzo scorso, in Alto Adige, sono ben oltre 7.000 le aziende stazionarie nel commercio e nella gastronomia ad aver chiuso al pubblico. Affinché esse abbiano anche in futuro la possibilità di mantenere città e paesi vivi, ...
 
 

01/04/2020

L’Unione: dopo Pasqua riaprire le aziende commerciali in forma ridotta e nel rispetto di precise condizioni

Il 12 marzo scorso, in Alto Adige, circa 3.700 aziende del commercio al dettaglio hanno chiuso da un giorno all’altro. “Non si discute: in questo momento tutti i provvedimenti sanitari e di prevenzione per vincere la battaglia contro il Coronavirus ...
 
 

31/03/2020

Nuovo pacchetto economico e sociale della Provincia

“Complimenti per questo primo pacchetto economico e sociale della Provincia a sostegno di aziende e famiglie. Un primo passo per poter ripartire”: questo il primo commento del presidente dell’Unione Philipp Moser sulle misure deliberate dalla Giunta ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Christine Walzl

Categorie
Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 514
E-mail:
Bozen