Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
11/01/2019

Bolkestein, definitivamente esclusi i commercianti ambulanti

Il presidente della categoria nell’Unione Andreas Jobstreibizer: “Ora serve un nuovo quadro normativo”

Il presidente dei commercianti ambulanti nell’Unione Andreas Jobstreibizer
La Legge di bilancio recentemente approvata dal Governo a Roma ha definitivamente escluso le aziende del commercio ambulante dalla cosiddetta Direttiva Bolkestein, cioè la legge europea del 2006 che, in nome della concorrenza e del libero scambio tra i Paesi UE, prevedeva – tra le altre cose – di rimettere a bando le concessioni del commercio ambulante. “Per tutta la categoria – afferma soddisfatto il presidente dei commercianti ambulanti nell’Unione Andreas Jobstreibizer – si tratta di allontanare una spada di Damocle sempre presente nonostante le numerose proroghe succedutesi in questi ultimi dieci anni”.

L’esclusione dei commercianti ambulanti dagli effetti della norma europea evita agli imprenditori del settore il pericolo di vedersi esclusi dall’assegnazione della concessione per un banale errore di forma. “Niente più bandi, niente più selezioni, niente più rilascio di concessioni limitate, niente più rischi di perdere il posto su cui lavori da una vita. Dopo tre anni di manifestazioni, iniziative, dibattiti, incontri e riunioni, finalmente possiamo dire di avere raggiunto il nostro obiettivo, a tutto vantaggio dei nostri associati e dei circuiti economici locali dei quali garantiscono la sopravvivenza”, sottolinea Jobstreibizer.
 
Ora la palla passa alla Provincia di Bolzano e ai Comuni dell’Alto Adige che, di fatto, in questi anni sono rimasti in attesa di capire il quadro normativo vigente. Spetterà infatti agli enti locali mettere mano al settore, riassegnare i posti vacanti e modificare i regolamenti del commercio su aree pubbliche per adeguare la situazione giuridica ai recenti avvenimenti.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/08/2019

Il teatro dei burattini a Roma è la morte dell’economia

L’Italia è sottoposta alla minaccia di un aumento dell’aliquota IVA dall’attuale 22 al 25,2 percento. Un incremento che si avvertirebbe con particolare forza in un territorio di confine come Alto Adige, afferma con preoccupazione l’Unione commercio ...
 
 

20/08/2019

L’Unione assiste le aziende della gastronomia coinvolte nel contenzioso

Si è svolta lo scorso febbraio, presso il tribunale di Genova, la prima riunione delle aziende creditrici di QUI! Group Spa, la società di emissione degli omonimi buoni pasto utilizzati su tutto il territorio nazionale, Alto Adige compreso, in ...
 
 

14/08/2019

Nuova regolamentazione dei saldi di fine stagione in Alto Adige

L’Unione auspica una nuova regolamentazione nel processo di scelta delle date dei saldi di fine stagione in Alto Adige. Le svendite stagionali, di norma, durano 6 settimane e prendono il via già a inizio luglio ovvero gennaio. “Le date di inizio ...
 
 

12/08/2019

Gli editori nell’Unione organizzano il Bazar dei libri a Bolzano

Dal 15 agosto, in piazza Walther a Bolzano, si potranno acquistare libri interessanti a prezzo di favore. Dopo il grande successo degli anni scorsi, gli editori nell’Unione, in collaborazione con il Comune di Bolzano, tornano nuovamente a ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Christine Walzl

Categorie
Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 514
E-mail:
Bozen