Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
08/06/2020

Aumentare l'Iva per l'online

L’Unione: “Sono in gioco la vitalità e l’attrattività dei nostri centri urbani” - Aumentare l’Iva

Aumentare l’Iva del dieci percento per tutti gli ordini online CON consegna a domicilio: questo è quanto chiede l’Unione. “Il nostro commercio stazionario e, di conseguenza, la vitalità e l’attrattività dei nostri paesi e città, soffre attualmente di un calo di frequenze e fatturato a causa del commercio online”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.

“Con l’aumento dei ricavi da questa imposta indiretta potrebbero essere realizzate delle iniziative a sostegno delle aziende locali, affinché queste possano mantenere, anche in futuro, il loro fondamentale contributo alla vitalità dei centri urbani, evitando cioè che essi, come già capitato in molte località del Tirolo in Austria e dell’Italia settentrionale, si spengano definitivamente”, sottolinea il presidente. L’innalzamento di questa imposta è anche una misura per contrastare l’impatto ambientale causato dal trasporto e dai problemi di traffico nelle città e nei paesi.

Moser non vede peraltro di buon occhio il provvedimento come viene attualmente applicato in Germania, ovvero un abbassamento dell’Iva per tutti i soggetti. Serve invece una maggiore equità di trattamento per le diverse premesse nel campo del commercio online e stazionario. Affinché le aziende locali possano continuare, anche in futuro, a rendere paesi e città vivi e vitali, servono misure di sostegno finanziario per le attività legate al territorio rispetto al commercio online, attualmente favorito.

L’innalzamento dell’imposta sul consumo dovrebbe essere previsto solo per il commercio online con consegna a domicilio. Ciò vuol dire che non sarebbero interessate le altre metodologie d’acquisto, come per esempio il click & collect, gli ordini virtuali e il ritiro personale in negozio.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

05/08/2021

"Vaccinarsi a due passi da casa" - lista attuale

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige, con l’intento di risparmiare alle cittadine ed ai cittadini lunghi spostamenti per eseguire la vaccinazione, insieme ai comuni dell'Alto Adige ha lanciato la campagna "Vaccinarsi a due passi da casa". In queste ...
 
 

03/08/2021

Covid: La nuova ordinanza recepisce le regole statali

Dal 6 agosto 2021 anche in Alto Adige avranno validità le nuove regole per l’impiego del Green Pass europeo. Il 30 luglio 2021 il presidente della Provincia Arno Kompatscher ha firmato la relativa ordinanza n. 28 (vedi tra i download).
 
 

02/08/2021

Gli editori nell’Unione organizzano il Bazar dei libri a Bolzano:

Venerdì 6 agosto iniziano i “saldi estivi” dei migliori libri dell'Alto Adige. In piazza Walther, nel centro di Bolzano, fino al 22 agosto, le pubblicazioni degli editori altoatesini possono essere acquistate tutto il giorno nel grande tendone dei ...
 
 

29/07/2021

L’Unione diventa membro dell'organizzazione Citymarketing Austria

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige è diventata recentemente membro dell'associazione Citymarketing Austria (www.stadtmarketing.eu). “Citymarketing Austria riunisce dal 2009 quasi 70 organizzazioni di marketing locale e urbano dell'Austria ...