Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
12/04/2021

Attenzione alla vendita di dispositivi medici e di protezione

A causa dell’attuale situazione provocata dal Covid-19 alcune imprese stanno provando ad inserirsi nel settore della vendita di dispositivi medici e di protezione. Tuttavia, nella vendita e nel commercio di queste categorie di prodotti è richiesta la massima attenzione dato che valgono regole specifiche. Nel caso di infrazione le sanzioni amministrative sono elevate.

Nella distribuzione di prodotti medicali e dispositivi di protezione vanno osservate norme speciali. Ad esempio, in Italia va sempre apposta una descrizione in italiano sulla confezione del prodotto o nel foglietto illustrativo, altrimenti si può incorrere in una sanzione amministrativa tra 500 e 3.000 euro. Sono previste sanzioni particolarmente elevate fino a 128.400 euro per la vendita di prodotti che non presentano la corretta marcatura CE o la dichiarazione di conformità. Ciò non vale solo per i produttori ma anche per chi commercia questi prodotti.

Sono già state emesse sanzioni amministrative ai danni di aziende altoatesine, ad esempio per la vendita di alcuni termometri elettronici, che sono considerati dispositivi medici e per questo devono presentare la marcatura CE e le informazioni sul prodotto in lingua italiana.

“La Camera di commercio consiglia quindi alle aziende di confrontarsi preventivamente in modo attento con le disposizioni legislative previste per la vendita di dispositivi medici o di protezione”, informa Alfred Aberer, Segretario generale della Camera di commercio di Bolzano. Per dispositivi medici si intendono prodotti che servono per l’identificazione, il controllo, la cura o il lenimento di malattie o lesioni. Il test rapido dell’antigene è, ad esempio, un dispositivo medico.

I dispositivi di protezione vengono invece concepiti e prodotti per essere indossati o utilizzati da una persona come protezione da uno o più rischi per la propria salute o sicurezza. Tra questi rientra, per esempio, la mascherina.
Il servizio Sicurezza prodotti della Camera di commercio è a disposizione gratuitamente nel caso di eventuali domande su questo tema.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al servizio Sicurezza prodotti della Camera di commercio di Bolzano, persone di riferimento Greta Crepaz e Lukas Pichler, tel. 0471 945 660 - 698, sicurezzaprodotti@camcom.bz.it
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

27/04/2021

Nuovi obblighi di etichettatura ambientale degli imballaggi

Dal 26 settembre 2020 si applicano precisi obblighi di etichettatura ambientale degli imballaggi. I nuovi obblighi consistono in un sistema di codici e abbreviazioni per indicare la natura di tutte le tipologie di materiali di imballaggio (primari, ...
 
 

16/12/2020

Protocollo di sicurezza Covid - Aggiunta alla valutazione dei rischi

Ricordiamo a tutte le aziende che possono tenere aperto, che devono garantire e rispettare una seria di regole di comportamento e di misure di protezione in ambito igienico-sanitario, sia per i collaboratori che per i clienti.
 
 

30/10/2020

Live streaming dell’Unione: i nostri esperti affrontano i temi di maggiore attualità

Caso Covid-19 in azienda, cassa integrazione guadagni e misure di sostegno per le aziende sono gli argomenti che, in questo periodo, interessano maggiormente i nostri associati. I nostri esperti vi forniranno tutte le principali informazioni in ...
 
 

15/10/2020

Quarantena ridotta a 10 giorni

Il Ministero della Salute ha emanato una circolare che stabilisce le nuove regole per la quarantena: il periodo sarà ridotto a 10 giorni e si concluderà dopo un solo test negativo, non più due. L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige ha accolto ...