Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
15/11/2018

Attenzione a falsi solleciti di pagamento

Numerose imprese altoatesine stanno ricevendo e-mail con solleciti di pagamenti apparentemente obbligatori uniti a fatture che sembrano emesse da autorità ufficiali. Attualmente circolano solleciti con il vecchio logo dell’Alto Adige che non è più in uso. Vengono mandati via mail alle aziende per la proroga di una presunta iscrizione di settore. Si tratta tuttavia di fatture false che non vanno assolutamente pagate.

Sono stati inoltre segnalati casi di comunicazioni false a nome del servizio di hosting “Aruba”. Le spam segnalano ai destinatari che l’addebito SEPA per l’incasso automatico di importi in scadenza è stato respinto dalla banca. La mail contiene un link a un modulo di pagamento falsificato per il quale vengono richiesti i dati della carta di credito per continuare a garantire il servizio. Anche in questo caso si consiglia di prestare la massima attenzione; soprattutto l’inserimento dei dati della carta di credito può avere conseguenze gravi.
 
Le mail attualmente in circolazione vanno oltre la pratica commerciale ingannevole e sono al limite della truffa. Attività commerciali ingannevoli di questo tipo non sono rare: dappertutto in Italia è possibile avere accesso ai dati delle aziende iscritte al Registro delle imprese o ad altre banche dati pubbliche. Le imprese vengono invitate sistematicamente a versare un’imposta per l’iscrizione dei propri dati in qualche banca dati privata o in un registro marchi non ufficiale.

Spesso il testo è formulato in modo tale da trarre in inganno: a una rapida lettura pare infatti che si tratti di un sollecito di versamento dei diritti annuali o di altri diritti dovuti alla Camera di commercio. Solo dal testo stampato in piccolo o a una lettura più attenta risulta che non è così.

Imprenditori possono far presente eventuali attività commerciali o azioni pubblicitarie ingannevoli all’Autorità italiana garante della concorrenza e del mercato. La segnalazione può essere effettuata online sul sito www.agcm.it oppure al numero verde 800 166 661. L’impresa ha inoltre il diritto di recedere dal contratto entro 14 giorni dal pagamento.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/11/2019

Seggiolini antiabbandono per bambini sotto i 4 anni

Il Decreto Ministeriale del 02.10.2019 ha definito le caratteristiche tecniche dei dispositivi antiabbandono. I fabbricanti sono obbligati a redigere tutta la documentazione tecnica per dimostrare la conformità del dispositivo con le prescrizioni ...
 
 

07/11/2019

E-commerce e direttiva europea PSD2

La direttiva europea PSD2 (Payment Service Directive 2) relativa ai servizi di pagamento online cerca di rendere più sicuri i pagamenti online. Questo ad es. completando il processo di pagamento con una duplice autenticazione/verifica dell’identità ...
 
 

31/10/2019

Privacy facile: l’Unione organizza una serie di eventi a Bolzano

Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il Regolamento Europeo 2016/679, che impone una serie di norme per trattare i dati personali e chiede di soddisfare vari requisiti minimi ai sensi del Codice della protezione dei dati. Ma come applicare nella ...
 
 

10/10/2019

Incoterms 2020, tutte le novità

Gli Incoterms (International Commercial Terms) sono una raccolta di termini commerciali utilizzati nelle transazioni commerciali, nazionali e internazionali, di vendita di beni mobili riconosciuti in tutto il mondo. Gli Incoterms sono redatti dalla ...