Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
12/04/2021

Areale “Metro”: quali effetti avrebbe un nuovo centro commerciale sulla città?

L’Unione rileva i negozi attualmente sfitti: “Un male per lo sviluppo urbano!”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser consegna il documento con tutti i dati all’assessora comunale Johanna Ramoser.
Quali sarebbero gli effetti di un nuovo centro commerciale sull’areale “Metro” a Bolzano sulle immediate vicinanze, sullo sviluppo della città e sui quartieri? Quanti negozi sfitti con quanti metri quadrati ci sono a Bolzano e in quali condizioni si trovano?

Le risposte a queste e altre domande, con tutti i dati e le cifre attuali, le fornisce l’Unione grazie all’innovativo strumento della Geoanalisi. L’analisi dettagliata sul possibile centro commerciale e sull’attuale rilevazione dei locali sfitti è stata presentata oggi (lunedì, 12 aprile 2021) nell’ambito di una conferenza stampa nella sede centrale dell’Unione a Bolzano. Alla presentazione hanno preso parte il presidente dell’Unione Philipp Moser, la caposede mandamentale per la città di Bolzano Marcella Macaluso, il capoarea per lo sviluppo urbano Martin Stampfer e l’assessora alle attività economiche per la città di Bolzano Johanna Ramoser.

“La Geoanalisi è una componente fondamentale per la realizzazione della nostra visione”, spiega Moser. Con la visione di “innalzare la qualità della vita in Alto Adige tramite uno sviluppo economico mirato di luoghi e città” l’Unione si è posta l’obiettivo di diventare un centro di competenza per lo sviluppo delle città, dei centri urbani e quartieri nonché dei paesi dell’Alto Adige. In questo senso, oltre al commercio al dettaglio, giocano un ruolo importante anche le aziende di settori quali la gastronomia e i servizi.

La Geoanalisi consiste in una cartina digitale dell’Alto Adige e rappresenta un indicatore affidabile dell’attrattività di singoli mandamenti, località o strade commerciali. “I dati ricavati con questo strumento sono utili anche per le amministrazioni comunali che devono prendere decisioni e avviare progetti riguardanti il loro territorio. Con la Geoanalisi siamo pionieri in Italia e non solo”, ricorda il presidente dell’Unione.

L’Unione ha quindi analizzato gli effetti della possibile realizzazione di un nuovo centro commerciale e, allo stesso tempo, rilevato l’attuale situazione dei locali sfitti a Bolzano ottenendo risultati impressionanti (vedi la presentazione dettagliata in merito). Sull’areale “Metro” di via Volta a Bolzano si prevede di realizzare un centro commerciale con superficie totale di 20.000 metri quadrati. Nel raggio di nemmeno un chilometro ci sono già tre grandi strutture commerciali con una superficie complessiva di 31.800 metri quadrati. Se si contano le grandi superfici nel raggio di due chilometri, vi si aggiungono ulteriori 40.000 metri quadrati. Per fare un confronto, le attuali superfici di vendita nel solo centro storico di Bolzano ammontano a 66.849 metri quadrati.

A fornire cifre impressionanti e preoccupanti è anche la rilevazione dei locali sfitti nel capoluogo: a marzo 2021 ci sono 189 locali produttivi sfitti, situati a piano terra, e utilizzabili per attività commerciali, gastronomiche e dei servizi – la maggioranza dei quali (91) nei quartieri Europa-Novacella-Casanova e, a seguire, nel quartiere del centro storico (56). Si tratta di un totale di 13.531 metri quadrati. Oltre alla semplice rilevazione dei locali sfitti, inoltre – ove possibile – si è anche proceduto a una loro classificazione in base al precedente utilizzo e alle condizioni nelle quali si trovano ora. Tutti i locali sfitti sono stati fotografati.

Sulla base dell’attuale situazione preoccupa il fatto che il numero dei locali vuoti possa aumentare ulteriormente. I risultati confermano che ulteriori superfici commerciali di nuovo sviluppo risulterebbero del tutto obsolete. “Sarebbe un male per lo sviluppo urbano e territoriale, compresi i dintorni, e per il mantenimento dell’attrattività e vitalità dei centri urbani!”, riassume il presidente dell’Unione Philipp Moser sintetizzando l’analisi.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

04/05/2021

Infinity Campus – Stimoli internazionali per addetti al marketing e creativi

Per i creativi altoatesini e per tutti gli specialisti del marketing si aprirà a breve una possibilità unica per ottenere stimoli e ispirazioni da specialisti di livello globale. A partire dal 12 maggio otto protagonisti della creatività ...
 
 

03/05/2021

I produttori di alimentari con commercio al dettaglio fanno fronte comune

I produttori di alimentari altoatesini con commercio al dettaglio uniscono le proprie forze in seno all’Unione con l’obiettivo di garantire un’efficace rappresentanza di interessi alle molte aziende attive in questo settore. “In questo comparto ...
 
 

03/05/2021

Progetto annuale “vivo qui, acquisto qui” in Val Venosta

Già alcuni anni l’Unione si è impegnata, con varie iniziative, a rafforzare il commercio al dettaglio locale in Val Venosta, a invitare la popolazione a compiere i propri acquisti sul territorio e a sensibilizzarla verso questa tematica. “Dopo ...
 
 

29/04/2021

Negozi specializzati bio: cambio di mentalità tra i consumatori

I negozi specializzati biologici dell’Alto Adige si sono recentemente incontrati a Bolzano presso l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige per l’annuale Assemblea generale. Al centro dell’incontro il bilancio 2020. “Per la maggioranza delle ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott. Martin Stampfer

Sviluppo centri urbani
Capoarea
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 511
E-mail: