Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
13/06/2018

Analizzare le idee imprenditoriali e metterle in pratica

L’Unione, il vostro partner dalla nascita dell’idea alla sua attuazione

Realizzare la propria idea imprenditoriale e mettersi in proprio: questo è il sogno di molti. Alcuni però esitano a fare il passo verso l’autonomia per paura di fallire o semplicemente perché nessuno rinuncia volentieri a un posto di lavoro fisso. Avviare un’impresa propria non equivale a fare un salto nel buio o esporsi a rischi incalcolabili. Trasformare il proprio hobby o la propria passione in una professione è una vera opportunità. Mettendosi in proprio molti si autorealizzano professionalmente e le loro incertezze lasciano spazio alla soddisfazione di sentirsi indipendenti e di realizzare i propri sogni.

Consigliare, migliorare e scegliere la forma giuridica più adatta

Per realizzare con successo la propria impresa e affermarsi sul mercato è essenziale che nella fase iniziale si possa usufruire di una consulenza globale. Vale dunque la pena investire nella consulenza. Le imprese che si fanno consigliare riescono a organizzarsi meglio e ad affermarsi sul mercato.
Grazie alla consulenza si può perfezionare l’idea imprenditoriale, innanzitutto elaborando un business plan che analizzi vantaggi e svantaggi dell’idea imprenditoriale, il mercato, la concorrenza, i punti di forza e debolezza, le opportunità, i rischi e tanti altri aspetti. Nelle parti essenziali del business plan, ovvero nella pianificazione degli investimenti, della redditività e del fabbisogno di capitali, si verifica la fattibilità finanziaria dell’impresa.
Prima di costituire l’impresa occorre verificare se sono soddisfatti i requisiti necessari ai fini dell’avviamento dell’attività per poi individuare la forma giuridica più adatta alla nuova impresa.
Nel contempo vanno presi in considerazione gli aspetti fiscali e individuati i possibili incentivi.

Qual è il servizio offerto dall’Unione?

Ai neoimprenditori l’Unione offre un ampio servizio di consulenza. L’Unione invita i futuri imprenditori a un primo colloquio gratuito in cui si verificano i requisiti per l’avviamento dell’attività imprenditoriale e li informa sui passi necessari per mettere in pratica l’idea imprenditoriale. Per procedere all’attuazione del progetto l’Unione propone di elaborare un business plan e assiste il neo imprenditore in tutte le questioni inerenti il finanziamento. Tenendo conto della situazione individuale, l’Unione informa sugli aspetti fiscali, i contributi di previdenza sociale e le questioni pensionistiche. L’Unione consiglia inoltre l’imprenditore nella scelta della forma giuridica più idonea per la nuova impresa. L’imprenditore viene quindi affiancato in tutti gli adempimenti burocratici, come ad esempio l’apertura della partita IVA, la comunicazione dell’inizio di attività, la registrazione alla Camera di commercio ecc.

Fissate un appuntamento per un primo colloquio gratuito. Avvaletevi della partnership dell’Unione per affrontare al meglio la costituzione della vostra impresa. Contattate il servizio di Consulenza aziendale dell’Unione!
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

07/05/2019

Non bisogna mai smettere di migliorare

“Chi smette di migliorare ha smesso di far bene”, disse una volta l’imprenditore e politico tedesco Philip Rosenthal. Nel nostro mondo globalizzato in continuo cambiamento, in cui i cicli di produzione si stanno accorciando, sono richiesti uno ...
 
 

06/03/2019

Nuove banconote da 100 e 200 euro

Con il 28 maggio saranno messe in circolazione le nuove banconote da 100 e 200 euro. In questo modo – come già avvenuto per i precedenti tagli – sarà aumentata la sicurezza degli scambi in contanti. I nuovi elementi di sicurezza dovrebbero prevenire ...
 
 

19/02/2019

Abolizione della licenza UTIF

Con la legge n. 124 del 4 agosto 2017, aziende della ristorazione, luoghi di intrattenimento pubblico, aziende della ricezione e rifugi sono stati esentati dall’obbligo della licenza UTIF.

Sono altresì esenti dall’obbligo della licenza ...
 
 

18/02/2019

Invio dei dati personali alla Questura

La registrazione e comunicazione dei dati personali delle persone alloggiate nelle strutture ricettive deve essere inviata alla Questura entro 24 ore. Ciò vale anche per gli affittuari o i subaffittuari che affittino immobili o parti di immobili con ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott. Franz Josef Dorfmann

Consulenza aziendale
Collaboratore
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 424
E-mail: