Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
21/09/2018

Alto Adige 2033: la tavola rotonda

La Giovane economia Alto Adige parla di mercato del lavoro e la location economica

Da sin. Springeth (Giovani agricoltori), Tauber, Gamper (Giovani albergatori), Reinalter, Fischnaller (Giovani artigiani nell’APA), Lanz, Köllensperger, Pliger, Haller (Giovani agricoltori), Mair (Giovani imprenditori) e Winkler (Giovani nell’Unione)
In quale direzione si svilupperà l’economia dell’Alto Adige nei prossimi 15 anni? Questo è quanto si sono chiesti di recente i rappresentanti della Giovane economia dell’Alto Adige. In occasione della tavola rotonda di quest’anno, alla quale hanno preso parte alcuni candidati al Consiglio provinciale di ambito economico, è stato possibile affrontare e approfondire numerosi temi in un’atmosfera rilassata e coinvolgente.

I quattro candidati presenti si sono sottoposti alle domande del pubblico, suddivise in gruppi di dieci domande per blocco tematico. Il tempo a disposizione di ciascun candidato per rispondere ai quesiti è stato di due minuti. Il primo blocco tematico è stato dedicato al mercato del lavoro in Alto Adige. In quest’ambito si è parlato principalmente dell’esodo della forza lavoro e di come sia possibile contrastarlo. Si è discusso anche di formazione duale e di scuola bilingue quale incentivo per le competenze linguistiche.

Il secondo blocco tematico è stato invece dedicato all’Alto Adige quale location economica, puntando soprattutto sugli aspetti della mobilità e delle crescenti difficoltà legate al traffico. Si è parlato anche di aeroporto e di sgravi fiscali nonché di lotta alla burocrazia. Altri temi di particolare importanza sono risultati le chiusure domenicali e festive e il commercio nelle zone produttive. Sono state infine poste domande anche sulla sanità, sulla mancanza di manodopera e sul futuro dell’agricoltura.
 
Della Giovane economia Alto Adige fanno parte i rappresentanti delle organizzazioni giovanili Giovani nell’Unione, Giovani albergatori, Giovani artigiani APA, Giovani agricoltori e Giovani imprenditori in Assoimprenditori. Insieme rappresentano la voce dei giovani imprenditori in Alto Adige, rappresentano gli interessi della categoria, rafforzano il network che li lega, trattano temi strategici e lavorano insieme per orientare il futuro.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

17/09/2019

Buone notizie per gli interpreti altoatesini

Alcune settimane fa l’Associazione interpreti Bolzano AIB aveva incontrato l’assessore provinciale competente, Philipp Achammer, per chiedere una maggiore considerazione per la categoria professionale nell’ambito dei bandi pubblici. “In particolare ...
 
 

12/09/2019

Bitcoin, Blockchain & Co.

Le criptovalute sono un tema caldo in tutto il mondo economico. Come sistema di pagamento dovrebbero garantire indipendenza e sicurezza. Ma cosa sono di preciso questi mezzi di pagamento e come funzionano? Le criptovalute influenzeranno l’economia ...
 
 

11/09/2019

I primi annunci del nuovo Governo lasciano ben sperare

“Giudicheremo il nuovo Governo italiano in base ai fatti concreti”, commenta il presidente dell’Unione Philipp Moser in occasione dell’inizio di una nuova pagina politica, dopo il via dato ieri sera (martedì 10 settembre 2019) anche in ...
 
 

10/09/2019

Il tappeto rosso a Vipiteno: moda, musica e prelibatezze

A Vipiteno lo shopping rappresenta un’esperienza speciale: i portici pittoreschi sotto gli edifici storici ornati di erker nel centro storico, gli eleganti negozi sotto la Torre delle dodici, le antiche insegne di negozi e le belle facciate delle ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Sarah Seebacher, MA

Formazione professionale e progetti per i giovani
Responsabile
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 510
E-mail: