Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
08/10/2018

Affrontare bene i progetti d’investimento

Mantenere e rafforzare la posizione di mercato

Per assicurare il successo dell’impresa nel lungo periodo è assolutamente necessario continuare a investire nell’azienda e introdurre innovazioni. Gli investimenti, adeguati al fabbisogno e fatti in un’ottica strategica e con la necessaria cautela commerciale, contribuiscono allo sviluppo positivo dell’impresa, assicurano in maniera duratura posti di lavoro e consentono di offrire prodotti e servizi di qualità. In questo modo si rafforza la posizione di mercato dell’azienda.

Investire in modo redditizio
Vanno evitati investimenti avventati senza aver chiarito precedentemente le relative condizioni di contorno. Prima di avviare un progetto d’investimento importante – soprattutto se finanziato con mezzi di terzi – occorre capire quali saranno le conseguenze finanziarie dell’investimento programmato. Nella fattispecie va valutato se, in via di principio, gli oneri finanziari derivanti dall’investimento sono sostenibili e in quale misura si possono ripercuotere sui futuri risultati aziendali. Nei finanziamenti con mezzi di terzi si tratta inoltre di optare per gli strumenti di finanziamento più idonei (finanziamento bancario, leasing ecc.) e di scegliere la durata adeguata. Oltre all’aspetto della sicurezza e della garanzia continua di liquidità, va tenuto costantemente in considerazione la redditività dell’investimento. Un indicatore della redditività è la durata in cui si ammortizza l’investimento.

Verificare il fabbisogno
Per affrontare bene un progetto di investimento importante si tratta innanzitutto di verificare se l’investimento è effettivamente necessario e di individuare con la massima precisione l’importo dell’investimento. Va quindi valutato l’onere finanziario che ne deriverebbe per l’azienda. La capacità di rimborso va verificata sulla base del bilancio e della situazione reddituale dell’azienda. L’investimento va considerato e valutato anche in un’ottica futura sulla base del conto economico e del bilancio preventivo e tenendo conto dei costi e delle rate del credito/del leasing. L’analisi della capacità di rimborso diventa quindi uno strumento fondamentale ai fini della pianificazione e del controllo di una decisione d’investimento razionale che sia sensata e vantaggiosa dal punto di vista economico.

Assistenza e consulenza
Nell’ambito dell’analisi della capacità di rimborso occorre fare diverse riflessioni e vanno considerati anche eventuali costi, gli effetti fiscali e di eventuali contributi (ad es. nei finanziamenti mediante il fondo di rotazione). La consulenza aziendale nell’Unione assiste i suoi associati nei progetti d’investimento e analizza la loro capacità di rientro. I nostri esperti vi possono consigliare in tutte le questioni inerenti l’investimento e i contributi. Fissate un appuntamento con l’area di consulenza aziendale dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

01/08/2019

Reintrodotta la licenza UTIF

Di conseguenza, gli alberghi e gli esercizi pubblici devono nuovamente richiedere la licenza UTIF per la vendita di bevande alcoliche presso l’Agenzia delle dogane. Anche se il decreto non specifica se le imprese in possesso della licenza prima ...
 
 

31/07/2019

Aumentare la redditività della vostra azienda

Analisi operative, analisi di redditività, benchmarks, business plan. Siete preoccupati di come aumentare la redditività della vostra azienda oppure volete realizzare una vostra idea imprenditoriale? Possiamo fornirvi: un’analisi di posizionamento, ...
 
 

25/07/2019

Arrotondamento dei centesimi

Con il 1° gennaio 2018 è terminato il conio delle monete da uno e due centesimi. Le monete ancora in circolazione potranno essere utilizzate ancora come forma di pagamento. Dall’inizio dell’anno la legge dà la possibilità di arrotondare ai 5 cent i ...
 
 

12/07/2019

Fisioterapisti, iscrizione all’albo professionale

Per esercitare la loro attività, i fisioterapisti devono iscriversi al relativo albo professionale (decreto ministeriale del 13 marzo 2018). In caso di esercizio dell’attività senza iscrizione all’albo professionale sono previste pene da sei mesi a ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott. Franz Josef Dorfmann

Consulenza aziendale
Collaboratore
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 424
E-mail: