Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
23/03/2020

3.700 dettaglianti e 3.850 pubblici esercizi chiusi in Alto Adige

Il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini esprimono preoccupazione: “Allestire un fondo di emergenza per le piccole aziende!”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini
La situazione in tutto l’Alto Adige è grave: l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha calcolato tramite la Geoanalisi che, in Alto Adige, dal 12 marzo 2020, circa 3.700 aziende del commercio al dettaglio e 3.850 aziende della gastronomia (caffè e gelaterie, bar, pub e ristoranti) in Alto Adige hanno chiuso.

“Una cosa è certa: se la chiusura di queste aziende si protrarrà per un tempo maggiore di quanto previsto, allora per molte attività gestite direttamente dal titolare la situazione si farà molto seria”, affermano molto preoccupati il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini. Una chiusura prolungata sarebbe fatale, spiegano i vertici dell’Unione.

Attualmente i magazzini sono pieni di merce che non può essere venduta, affitti e crediti vanno onorati – anche se vengono posticipati, rimane il debito –, la liquidità si esaurisce e anche la possibilità di avere dei crediti ponte implica un nuovo indebitamento, sintetizza l’Unione riassumendo la preoccupante situazione di questi giorni.

“Stiamo parlando di migliaia di piccole aziende in Alto Adige, che garantiscono paesi e città vivi e attrattivi. Ma anche moltissimi prestatori di servizi, come agenzie viaggi, consulenti aziendali o prestatori di servizi per eventi, sono in grave crisi”, ricordano Moser e Pellegrini. Per queste aziende sarà un anno assai difficile, se si considera anche che il turismo si riprenderà solo in autunno.

Per questi motivi l’Unione auspica l’istituzione di un fondo di emergenza per queste piccole aziende. “Se vogliamo salvare questa grande varietà di aziende piccole e a gestione familiare, allora bisogna prendere decisioni coraggiose e soprattutto rapide!” ribadiscono con energia Moser e Pellegrini.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

07/05/2021

I librai nell’Unione: “Una brutta notizia per famiglie e scuole”

I librai nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige criticano i tagli previsti per il settore della formazione. Da un lato, infatti, i mezzi finanziari messi a disposizione delle scuole nel bilancio provinciale 2021 per i libri in prestito ...
 
 

06/05/2021

Un anno senza acquisti la domenica ha dimostrato il proprio valore

In Alto Adige è quasi passato un anno dal ritorno della regolamentazione delle aperture domenicali e festive nel commercio, come ricorda l’Unione. “Questi mesi l’hanno mostrato con chiarezza: l’apertura dei negozi alla domenica non è più una ...
 
 

04/05/2021

Infinity Campus – Stimoli internazionali per addetti al marketing e creativi

Per i creativi altoatesini e per tutti gli specialisti del marketing si aprirà a breve una possibilità unica per ottenere stimoli e ispirazioni da specialisti di livello globale. A partire dal 12 maggio otto protagonisti della creatività ...
 
 

03/05/2021

I produttori di alimentari con commercio al dettaglio fanno fronte comune

I produttori di alimentari altoatesini con commercio al dettaglio uniscono le proprie forze in seno all’Unione con l’obiettivo di garantire un’efficace rappresentanza di interessi alle molte aziende attive in questo settore. “In questo comparto ...