Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
23/03/2020

3.700 dettaglianti e 3.850 pubblici esercizi chiusi in Alto Adige

Il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini esprimono preoccupazione: “Allestire un fondo di emergenza per le piccole aziende!”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini
La situazione in tutto l’Alto Adige è grave: l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha calcolato tramite la Geoanalisi che, in Alto Adige, dal 12 marzo 2020, circa 3.700 aziende del commercio al dettaglio e 3.850 aziende della gastronomia (caffè e gelaterie, bar, pub e ristoranti) in Alto Adige hanno chiuso.

“Una cosa è certa: se la chiusura di queste aziende si protrarrà per un tempo maggiore di quanto previsto, allora per molte attività gestite direttamente dal titolare la situazione si farà molto seria”, affermano molto preoccupati il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini. Una chiusura prolungata sarebbe fatale, spiegano i vertici dell’Unione.

Attualmente i magazzini sono pieni di merce che non può essere venduta, affitti e crediti vanno onorati – anche se vengono posticipati, rimane il debito –, la liquidità si esaurisce e anche la possibilità di avere dei crediti ponte implica un nuovo indebitamento, sintetizza l’Unione riassumendo la preoccupante situazione di questi giorni.

“Stiamo parlando di migliaia di piccole aziende in Alto Adige, che garantiscono paesi e città vivi e attrattivi. Ma anche moltissimi prestatori di servizi, come agenzie viaggi, consulenti aziendali o prestatori di servizi per eventi, sono in grave crisi”, ricordano Moser e Pellegrini. Per queste aziende sarà un anno assai difficile, se si considera anche che il turismo si riprenderà solo in autunno.

Per questi motivi l’Unione auspica l’istituzione di un fondo di emergenza per queste piccole aziende. “Se vogliamo salvare questa grande varietà di aziende piccole e a gestione familiare, allora bisogna prendere decisioni coraggiose e soprattutto rapide!” ribadiscono con energia Moser e Pellegrini.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/05/2020

Gli ambulanti nell’Unione: “Niente impedisce più la ripartenza”

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige e il Consorzio dei Comuni dell’Alto Adige hanno elaborato insieme delle linee guida per il commercio su aree pubbliche e per i mercati, che dovrebbero servire ad applicare in maniera condivisa i ...
 
 

28/05/2020

Musica d’ambiente, le nuove scadenze

La SIAE ha recentemente comunicato la proroga del pagamento del diritto di autore sulla diffusione di musica d’ambiente. I termini di pagamento sono i seguenti:
31 maggio 2020, relativo al diritto d'autore per GDO e negozi di ...
 
 

27/05/2020

“Tutto fermo, difficile garantire la sopravvivenza delle aziende”

Per il settore dei viaggi e degli eventi in Alto Adige, l’attuale crisi è senza precedenti. Le agenzie viaggi e i prestatori di servizi per eventi nell’Unione uniscono le forze per richiedere l’urgente introduzione di misure di sostegno: “In questo ...
 
 

27/05/2020

Pubblici esercizi, regole meno severe per mascherine e distanze

La Giunta provinciale martedì, 26 maggio 2020 ha deciso di prendere nuovamente in esame le norme per la tutela dal Coronavirus ed ha deciso di adottare una serie di adeguamenti che riguardano in particolare l’allegato A della legge provinciale n. 4 ...