Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
23/03/2020

3.700 dettaglianti e 3.850 pubblici esercizi chiusi in Alto Adige

Il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini esprimono preoccupazione: “Allestire un fondo di emergenza per le piccole aziende!”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini
La situazione in tutto l’Alto Adige è grave: l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha calcolato tramite la Geoanalisi che, in Alto Adige, dal 12 marzo 2020, circa 3.700 aziende del commercio al dettaglio e 3.850 aziende della gastronomia (caffè e gelaterie, bar, pub e ristoranti) in Alto Adige hanno chiuso.

“Una cosa è certa: se la chiusura di queste aziende si protrarrà per un tempo maggiore di quanto previsto, allora per molte attività gestite direttamente dal titolare la situazione si farà molto seria”, affermano molto preoccupati il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini. Una chiusura prolungata sarebbe fatale, spiegano i vertici dell’Unione.

Attualmente i magazzini sono pieni di merce che non può essere venduta, affitti e crediti vanno onorati – anche se vengono posticipati, rimane il debito –, la liquidità si esaurisce e anche la possibilità di avere dei crediti ponte implica un nuovo indebitamento, sintetizza l’Unione riassumendo la preoccupante situazione di questi giorni.

“Stiamo parlando di migliaia di piccole aziende in Alto Adige, che garantiscono paesi e città vivi e attrattivi. Ma anche moltissimi prestatori di servizi, come agenzie viaggi, consulenti aziendali o prestatori di servizi per eventi, sono in grave crisi”, ricordano Moser e Pellegrini. Per queste aziende sarà un anno assai difficile, se si considera anche che il turismo si riprenderà solo in autunno.

Per questi motivi l’Unione auspica l’istituzione di un fondo di emergenza per queste piccole aziende. “Se vogliamo salvare questa grande varietà di aziende piccole e a gestione familiare, allora bisogna prendere decisioni coraggiose e soprattutto rapide!” ribadiscono con energia Moser e Pellegrini.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

26/11/2020

Live stream dell’Unione: Commercio online e condizioni generali di vendita

Martedì, 1 dicembre dalle ore 13:00 alle 13:30 si svolgerà in via esclusiva per tutti gli associati all'Unione il livestream in lingua tedesca dal titolo "Commercio online e condizioni generali di ...
 
 

25/11/2020

L’Unione: “L’Alto Adige ha un serio problema economico!”

Per l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige il conto è presto fatto: “Per ogni giorno di chiusura, il commercio al dettaglio in Alto Adige non genera fatturato e, di conseguenza, non produce gettito fiscale per la Provincia e la popolazione ...
 
 

24/11/2020

“Speriamo fortemente in una apertura di tutto il commercio il 30 novembre!”

L’Unione commenta la comunicazione del presidente della Giunta provinciale relativa alla riapertura del commercio al dettaglio in Alto Adige con sentimenti che vanno dalla gioia alla preoccupazione.

“Da un lato siamo contenti che ...
 
 

24/11/2020

Panificatori, iniziativa contro la violenza sulle donne

La Commissione provinciale per le pari opportunità intende sensibilizzare in modo particolare in merito alla violenza sulle donne, specie quella che si perpetra in ambito domestico. "L’Alto Adige, analogamente al resto d’Europa, vive una profonda ...