Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
11/06/2020

“Ticket d’ ingresso a pagamento per le auto” per la città di Bolzano

Il Comune torna sul tema degli accessi a pagamento per i non residenti L’Unione: “Non è il momento di aggiungere tasse, ma di levarne!”

Nonostante le gravi difficoltà causate a molte aziende locali dalla pandemia di Coronavirus, l’amministrazione di Bolzano torna a pensare a un “road pricing” per l’accesso al capoluogo. Il tema è stato al centro di diversi incontri tra rappresentanti del Comune, alcuni stakeholder e associazioni di categoria tra cui anche l’Unione, con quest’ultima che ha ribadito la propria contrarietà all’introduzione di un ticket per l’accesso e il transito alla città.

“Abbiamo appena riaperto le nostre attività, e la priorità ora deve essere favorire l’accoglienza di pendolari e turisti, il cui ritorno sarà vitale per moltissimi settori economici. Qualsiasi misura che vada in senso contrario è assolutamente controproducente”, afferma il fiduciario comunale dell’Unione per la città di Bolzano Simone Buratti. Della medesima opinione anche CNA, Confesercenti e il presidente circondariale lvh.apa di Bolzano Città, Hannes Mussak: “Introdurre in questo periodo dei carichi ulteriori per gli operatori economici sarebbe fatale. Al momento stiamo impiegando tutte le nostre forze nella ricostruzione e nella stabilizzazione delle nostre aziende. Attualmente necessitiamo di misure atte a sgravare l’economia, non certo di ulteriori oneri.” Claudio Corrarati, presidente di CNA TAA: “La ripartenza dell’economia e delle attività deve essere agevolata da azioni di supporto e non di ostacolo. Adesso è il momento per semplificare e incentivare più che limitare o tassare.”

Il gruppo di lavoro tecnico allestito dal Comune di Bolzano e coordinato dall’ingegner Stefano Ciurnelli prevedrebbe al contrario l’introduzione di un sistema di monitoraggio dell’ingresso dei veicoli privati – ma si è parlato anche di quelli commerciali – in una o più zone della città con l’obiettivo di riscuotere una tassa di transito in base a zone e/o ore di accesso.

“Secondo i calcoli della pubblica amministrazione, questo sistema sarebbe anche meno gravoso del pagamento di un parcheggio, ma in realtà ciò si aggiungerebbe al costo della sosta, senza contare poi che, anche a livello di immagine, questo non è il periodo di introdurre nuove tasse ma di eliminare quelle esistenti”, ribadisce Buratti, che aggiunge: “In questo periodo è fondamentale dare segnali positivi, di benvenuto, e non il contrario”.

Un altro tema trattato in occasione dell’incontro tra sono stati i cosiddetti locker e i delivery point, ovvero dei punti automatici di consegna e smistamento dei pacchi. In quest’ambito, la proposta dell’Unione è di sperimentarli non solo in centro storico ma anche nei quartieri periferici.

“La mole di pacchi destinata ai privati è sempre più ingente, e corrisponde circa alla metà del totale delle consegne quotidiane, oltre a essere spesso costituita da colli di piccole dimensioni. A nostro parere sarebbero quindi i privati i principali soggetti cui destinare questa innovazione; per i commercianti, infatti, non sarebbe a oggi una soluzione percorribile, perché bisogna assolutamente evitare che un settore già in difficoltà sia oggetto di ulteriori costi di trasporto o ritiro merce”, conclude il rappresentante dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

28/10/2020

Assemblea generale ed elezioni per l’Associazione mediatori dell’Alto Adige

Attualmente, in Alto Adige, nel Registro delle imprese sono iscritte 359 aziende con attività di intermediazione. Di recente, presso la Cantina Merano, e sotto la guida del presidente uscente Herbert Arquin, si è tenuta l’annuale assemblea generale ...
 
 

26/10/2020

Nuova fase con la nuova ordinanza d’urgenza

“La nuova ordinanza d’urgenza della Provincia va nella direzione giusta. Dobbiamo proseguire con l’attività dei tre pilastri economia, lavoro e scuola, seppure in una forma leggermente ridotta. Meglio attenersi ora a regola più ...
 
 

23/10/2020

Il futuro del commercio su aree pubbliche in grave pericolo

Nell’ultima ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale è previsto che, in materia di mercati di rilevanza comunale, i sindaci possano adottare ulteriori misure restrittive. “I commercianti ambulanti non sono disposti a fare da capro ...
 
 

22/10/2020

“Grande preoccupazione!”: L’Alto Adige dichiarata zona a rischio

“Non vorrei pronunciare la parola catastrofe, ma la preoccupazione è sicuramente grande”, questo il primo commento del presidente dell’Unione Philipp Moser circa l’annunciato avvertimento relativo ai viaggi verso l’Alto Adige da ...