Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
04/01/2019

“Spostare Ötzi significa colpire l’attrattività del centro storico”

Bolzano: l’Unione contraria al trasferimento dell’Uomo del Similaun sul Virgolo

Dovrebbe arrivare a fine gennaio la decisione circa la nuova destinazione di Ötzi, la famosa mummia del Similaun che dovrebbe essere ospitata da un nuovo e moderno polo museale. Tra le ipotesi al vaglio dell’apposita commissione provinciale c’è anche lo spostamento della principale attrazione del Museo archeologico sul Virgolo, da raggiungere per mezzo di una funivia dedicata. Un’eventualità che l’Unione critica apertamente. “Da sempre Ötzi ha rappresentato un eccezionale punto di attrazione per il centro storico di Bolzano. La grande affluenza di visitatori del Museo archeologico ha sostenuto concretamente le attività del centro, garantendone attrattività e vitalità. Spostare questo magnete fuori città sarebbe una decisione contraria a uno sviluppo a lungo termine del centro urbano”, afferma Philipp Moser, presidente dell’Unione.
 
In Alto Adige, incentivare i circuiti economici locali e rafforzare le attività importanti per i centri urbani sono compiti che rappresentano una sfida per tutti. E tutte le rilevazioni confermano come la vivacità di paesi e città sia strettamente legata alla presenza di punti di attrazione e aggregazione. “Per Bolzano – aggiunge Moser – lo straordinario reperto ospitato dal Museo archeologico è uno dei più importanti, se non il maggiore in assoluto. I flussi di visitatori e ospiti vanno attirati verso i centri urbani, non deviati al loro esterno. Solo così sarà possibile garantire l’attrattività del capoluogo e, di conseguenza, la qualità della vita offerta a residenti e turisti”.

“Bolzano deve pensare al proprio futuro e progettarlo in maniera sostenibile e ponderata, tenendo conto delle esigenze di tutti, residenti e ospiti. Optare per un certo progetto solo perché non comporta costi aggiuntivi per le casse comunali, come affermato dal sindaco del capoluogo, non è una strategia che può risultare vincente sul lungo periodo”, conclude il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

03/07/2020

#ripartire significa anche shopping serale in Alto Adige

Diventati ormai parte integrante del programma estivo dell’Alto Adige, negli anni passati le circa 200 serate di shopping, con il loro vario programma di contorno, hanno animato un quarto dei centri urbani dell’Alto Adige. “Si è trattato sempre di ...
 
 

30/06/2020

“Chi vuol diventare programmatore, comincia presto a esercitarsi”

Con “Coding4Kids” un gruppo di aziende dei prestatori di servizi IT e internet nonché dei pubblicitari Target nell’Unione ha dato vita a un nuovo progetto nel panorama altoatesino. “L’obiettivo è utilizzare il periodo estivo ...
 
 

26/06/2020

Limite a 2000 euro per i pagamenti in contanti dal 1° luglio 2020

A partire dal 1° luglio 2020 il limite dei pagamenti in contanti è ridotto a 2.000,00 euro. Sono quindi vietati per legge i trasferimenti di contante (o titoli al portatore) sopra questa soglia effettuati tra soggetti diversi (persone fisiche o ...
 
 

26/06/2020

Tax credit vacanze – modalità di fruizione

Il DL rilancio ha introdotto il tax credit vacanze; di seguito alcuni chiarimenti su come richiedere l’agevolazione.
Il richiedente invia la richiesta mediante l’applicazione “IO” messa a disposizione da PagoPa (per l’accesso è necessario lo ...