Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
23/06/2020

“Serve una soluzione su misura dell’Alto Adige”

L’Unione sulla nuova delibera della Giunta provinciale sulle chiusure domenicali

Con la recente delibera della Giunta provinciale sono state revocate le chiusure domenicali obbligatorie per tutte le aziende commerciali in tutte le località dell’Alto Adige. In tal modo, a partire da inizio luglio, sarà ripristinata la liberalizzazione degli orari di apertura introdotta dal governo italiano guidato da Mario Monti nel 2012 e in vigore fino all’inizio dell’emergenza sanitaria.

L’Unione aveva richiesto esclusivamente una riapertura per i negozi delle 24 località altamente turistiche in Alto Adige, cioè quelle che superano i 120 pernottamenti per abitante per anno. Il motivo: con i confini aperti e la libertà di movimento in ambito italiano i primi ospiti stanno tornando in Alto Adige. “La ricerca di un’offerta adeguata anche in ambito commerciale nelle località turistiche è una parte fondamentale della nostra cultura dell’accoglienza”, spiega in proposito il presidente dell’Unione Philipp Moser. “Alla fine, però, è purtroppo emerso che, a livello giuridico, mantenere questa specifica regolamentazione solo per alcune località, non sarebbe stato sostenibile”.

A questo proposito l’Unione ribadisce che, come regola di base, deve rimanere la chiusura domenicale e festiva. “Le esperienze delle ultime settimane ci hanno mostrato con chiarezza che non esiste alcuna necessità di fatto per un’apertura dei negozi di domenica e nei festivi”, precisa Moser.

Come già in passato, l’Unione auspica una normativa locale in tema di orari di apertura e per una regolamentazione delle aperture domenicali e festive a favore della varietà del commercio altoatesino. “Abbiamo bisogno di una soluzione su misura delle necessità dell’Alto Adige che preveda anche eccezioni per le località turistiche, per il commercio di vicinato e per le aziende della tradizione”, aggiunge il presidente dell’Unione.

“Così come prevedono i nostri valori e le nostre tradizioni, la domenica è un giorno di riposo, e offre pertanto tempo per gli interessi personali, la società e la famiglie – tanto più in questo periodo”, ricorda Moser. Per questo motivo l’Unione è impegnata per la reintroduzione di orari di apertura regolamentati e, in particolare, per nuove norme nell’ambito delle aperture domenicali e festive.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

02/03/2021

Agenti e rappresentanti di commercio nell’Unione: “Ora serve un sostegno rapido e non burocratico da parte della Provincia!“

In breve tempo dovrebbe essere possibile presentare le richieste di sostegno per le aziende altoatesine che, negli ultimi 12 mesi, abbiano subito gravi perdite finanziarie. Questo, almeno, è quanto ha annunciato la Giunta provinciale. “I diversi ...
 
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

26/02/2021

Anche i grossisti altoatesini nel settore dei beni per gli allestimenti e gli investimenti lamentano gravi perdite

I commercianti all’ingrosso dell’Alto Adige nel settore non alimentare lottano ormai da mesi con gravi perdite. “A causa dei ripetuti lockdown nel settore turistico, queste aziende stanno subendo seri cali di fatturato”, afferma Werner ...
 
 

19/02/2021

Sempre più apprezzati gli acquisti locali e sostenibili

In un recente studio, il noto Istituto per la ricerca commerciale IFH di Colonia ha messo sotto la lente d’ingrandimento le abitudini di consumo durante la pandemia, confrontandosi soprattutto con gli aspetti della regionalità e della sostenibilità ...