Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
23/06/2020

“Serve una soluzione su misura dell’Alto Adige”

L’Unione sulla nuova delibera della Giunta provinciale sulle chiusure domenicali

Con la recente delibera della Giunta provinciale sono state revocate le chiusure domenicali obbligatorie per tutte le aziende commerciali in tutte le località dell’Alto Adige. In tal modo, a partire da inizio luglio, sarà ripristinata la liberalizzazione degli orari di apertura introdotta dal governo italiano guidato da Mario Monti nel 2012 e in vigore fino all’inizio dell’emergenza sanitaria.

L’Unione aveva richiesto esclusivamente una riapertura per i negozi delle 24 località altamente turistiche in Alto Adige, cioè quelle che superano i 120 pernottamenti per abitante per anno. Il motivo: con i confini aperti e la libertà di movimento in ambito italiano i primi ospiti stanno tornando in Alto Adige. “La ricerca di un’offerta adeguata anche in ambito commerciale nelle località turistiche è una parte fondamentale della nostra cultura dell’accoglienza”, spiega in proposito il presidente dell’Unione Philipp Moser. “Alla fine, però, è purtroppo emerso che, a livello giuridico, mantenere questa specifica regolamentazione solo per alcune località, non sarebbe stato sostenibile”.

A questo proposito l’Unione ribadisce che, come regola di base, deve rimanere la chiusura domenicale e festiva. “Le esperienze delle ultime settimane ci hanno mostrato con chiarezza che non esiste alcuna necessità di fatto per un’apertura dei negozi di domenica e nei festivi”, precisa Moser.

Come già in passato, l’Unione auspica una normativa locale in tema di orari di apertura e per una regolamentazione delle aperture domenicali e festive a favore della varietà del commercio altoatesino. “Abbiamo bisogno di una soluzione su misura delle necessità dell’Alto Adige che preveda anche eccezioni per le località turistiche, per il commercio di vicinato e per le aziende della tradizione”, aggiunge il presidente dell’Unione.

“Così come prevedono i nostri valori e le nostre tradizioni, la domenica è un giorno di riposo, e offre pertanto tempo per gli interessi personali, la società e la famiglie – tanto più in questo periodo”, ricorda Moser. Per questo motivo l’Unione è impegnata per la reintroduzione di orari di apertura regolamentati e, in particolare, per nuove norme nell’ambito delle aperture domenicali e festive.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

02/08/2021

Gli editori nell’Unione organizzano il Bazar dei libri a Bolzano:

Venerdì 6 agosto iniziano i “saldi estivi” dei migliori libri dell'Alto Adige. In piazza Walther, nel centro di Bolzano, fino al 22 agosto, le pubblicazioni degli editori altoatesini possono essere acquistate tutto il giorno nel grande tendone dei ...
 
 

29/07/2021

L’Unione diventa membro dell'organizzazione Citymarketing Austria

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige è diventata recentemente membro dell'associazione Citymarketing Austria (www.stadtmarketing.eu). “Citymarketing Austria riunisce dal 2009 quasi 70 organizzazioni di marketing locale e urbano dell'Austria ...
 
 

20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...