Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
09/06/2020

“Sbloccare gli eventi in Alto Adige”

I prestatori di servizi per eventi nell’Unione criticano la recente ordinanza della Provincia

“L’attuale ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale leva ai prestatori di servizi per eventi e agli organizzatori di manifestazioni il necessario sostegno all’attività economica”: questo il commento della categoria dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione relativamente alle disposizioni in materia di eventi contenute nell’ordinanza n. 29.

“Naturalmente capiamo che questo regolamento è stato emanato sulla base della situazione attuale e in accordo alla legge provinciale. Ma questo regolamento impedisce anche l’organizzazione di qualsiasi evento degno di nota dal punto di vista economico. Con queste premesse il settore dei prestatori di servizi per eventi non ha alcuna prospettiva, se non quella di chiudere. E ciò mette a rischio anche numerosi posti di lavoro”, affermano la presidente dei prestatori di servizi per eventi Katrin Trafoier e il vicepresidente Oskar Stricker.

Per il settore degli eventi in Alto Adige l’attuale crisi è senza precedenti. L’assessore provinciale competente Philipp Achammer ha già riconosciuto la gravità della situazione, assicurando il prolungamento della cassa integrazione fino a fine dicembre nonché l’istituzione di un fondo crisi. “Senza queste promesse e il relativo sostegno finanziario questo settore non sopravviverà”, ribadiscono Trafoier e Stricker. Ora però bisogna anche far ripartire gli eventi.

“Attualmente i numeri del contagio sono positivi. Per questo ci aspettiamo e auspichiamo un rapido sblocco per gli eventi soprattutto dal punto di vista della regola 1 a 10 negli spazi e nella somministrazione di cibi e bevande. Affinché il settore possa ritrovare la speranza e anche ripartire”, concludono i vertici dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione.
 
La presidente dei prestatori di servizi per eventi Katrin Trafoier con il vicepresidente Oskar Stricker.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

02/03/2021

Agenti e rappresentanti di commercio nell’Unione: “Ora serve un sostegno rapido e non burocratico da parte della Provincia!“

In breve tempo dovrebbe essere possibile presentare le richieste di sostegno per le aziende altoatesine che, negli ultimi 12 mesi, abbiano subito gravi perdite finanziarie. Questo, almeno, è quanto ha annunciato la Giunta provinciale. “I diversi ...
 
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

26/02/2021

Anche i grossisti altoatesini nel settore dei beni per gli allestimenti e gli investimenti lamentano gravi perdite

I commercianti all’ingrosso dell’Alto Adige nel settore non alimentare lottano ormai da mesi con gravi perdite. “A causa dei ripetuti lockdown nel settore turistico, queste aziende stanno subendo seri cali di fatturato”, afferma Werner ...
 
 

19/02/2021

Sempre più apprezzati gli acquisti locali e sostenibili

In un recente studio, il noto Istituto per la ricerca commerciale IFH di Colonia ha messo sotto la lente d’ingrandimento le abitudini di consumo durante la pandemia, confrontandosi soprattutto con gli aspetti della regionalità e della sostenibilità ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Lorena Sala

Categorie
Capoarea
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 512
E-mail: