Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
08/05/2020

“Mio - Tuo - Nostro Territorio Alto Adige”

“I punti di forza delle nostre numerose aziende locali, del commercio e dei servizi, molte delle quali piccole e a gestione familiare, sono sempre stati la vicinanza alla clientela, la consulenza competente e l’assistenza personale. Questi valori aggiunti sono sempre più importanti – tanto più in questo periodo – e la popolazione comincia ad apprezzarli come meritano”, affermano il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini riferendosi all’attuale situazione.

“Ciò che è accaduto nelle scorse settimane ha dell’incredibile. Un urrà va anche a queste aziende presenti in tutte le località dell’Alto Adige in maniera capillare, a un livello tale che altre regioni possono solo sognare. In tutti i comuni abbiamo aziende del commercio e dei servizi. Immaginiamo per un attimo cosa succederebbe se non avessimo più aziende locali nei nostri centri urbani”, ribadisce il presidente dell’Unione. Nel Tirolo del Nord, per esempio, 57 Comuni (dieci dei quali con oltre 1.000 abitanti) non hanno più nemmeno un negozio.

Sulla base di queste particolarità dell’Alto Adige, che non vanno in nessun modo date per scontate, e con l’apertura di tutte le aziende l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige organizzerà nelle prossime settimane e nei prossimi mesi una grande iniziativa di sensibilizzazione provinciale dal titolo “Mio - Tuo - Nostro Territorio Alto Adige”. “L’obiettivo è attirare l’attenzione della popolazione verso tutti i vantaggi economici e sociali della presenza in Alto Adige di centri urbani attivi, nonché dell’utilità dei circuiti locali e dei molti posti di lavoro”, chiarisce il vertice dell’Unione.

La visione dell’Unione è chiara: “Innalzare la qualità della vita in Alto Adige tramite uno sviluppo economico mirato di luoghi e città”. Una parte di questa visione è il tema “acquistare in loco”, senza dimenticare però l’utilizzo dei più diversi servizi in loco e la creazione di occupazione.

Nel suo ruolo di promotrice dello sviluppo urbano e territoriale, l’Unione persegue da sempre l’obiettivo di essere centro di competenza per lo sviluppo delle città, dei centri storici, dei quartieri e dei paesi dell’Alto Adige. In questo senso, oltre al commercio al dettaglio, ricoprano un ruolo fondamentale per i centri urbani anche altre attività imprenditoriali come nei settori servizi, gastronomia e artigianato locale, in grado di aumentare le frequenze in loco.

L’iniziativa di sensibilizzazione sarà realizzata in collaborazione con la Camera di commercio e con la Provincia. Ulteriori informazioni e il video che spiega l‘iniziativa su: www.territorio.bz.it
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/10/2020

e-commerce: “Basta con l’attuale Far West!”

Per l’Unione rappresenta una dichiarazione di bancarotta internazionale: l’introduzione di una web tax per i giganti del commercio online, prevista entro il 2020, è stata posticipata al 2021.

“Alcuni giorni fa l’Organizzazione ...
 
 

28/10/2020

Assemblea generale ed elezioni per l’Associazione mediatori dell’Alto Adige

Attualmente, in Alto Adige, nel Registro delle imprese sono iscritte 359 aziende con attività di intermediazione. Di recente, presso la Cantina Merano, e sotto la guida del presidente uscente Herbert Arquin, si è tenuta l’annuale assemblea generale ...
 
 

26/10/2020

Nuova fase con la nuova ordinanza d’urgenza

“La nuova ordinanza d’urgenza della Provincia va nella direzione giusta. Dobbiamo proseguire con l’attività dei tre pilastri economia, lavoro e scuola, seppure in una forma leggermente ridotta. Meglio attenersi ora a regola più ...
 
 

23/10/2020

Il futuro del commercio su aree pubbliche in grave pericolo

Nell’ultima ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale è previsto che, in materia di mercati di rilevanza comunale, i sindaci possano adottare ulteriori misure restrittive. “I commercianti ambulanti non sono disposti a fare da capro ...