Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
11/06/2020

“Facilitazioni per il commercio e la gastronomia in Alto Adige”

L’Unione predispone regole di comportamento meno rigide per clienti e ospiti

Per la fase della ripartenza l’Unione ha messo in piedi tutta una serie di facilitazioni per il commercio e la gastronomia in Provincia di Bolzano.

“La Giunta provinciale ha accolto le nostre proposte e le ha incluse nelle relative ordinanze e delibere. Si tratta in primo luogo dell’applicazione di regole di comportamento meno rigide per clienti e ospiti delle singole aziende, che dovrebbero quindi facilitare la ripresa della normalità”, commenta soddisfatto il presidente dell’Unione Philipp Moser.

L’Unione indica alcuni esempi, primo tra i quali la nuova regola del metro di distanza: non esiste più, infatti, l’obbligo generico di indossare una protezione delle vie aeree, a meno che non ci si trovi a meno di un metro di distanza da una persona non convivente. Anche nella gastronomia vige ora questa regola e va rispettato il limite del metro di distanza in tutti i posti a sedere e in piedi.

Oltre a ciò, come protezione per naso e bocca possono essere utilizzate mascherine chirurgiche e mascherine lavabili di stoffa (anche fatte in casa).

Per quanto riguarda i clienti dei negozi di alimentari, l’utilizzo dei guanti usa e getta è obbligatorio solo nell’acquisto di alimentari sfusi.

“La ripartenza è legata a molte facilitazioni, anche a quelle più piccole, che vanno introdotte in sequenza affinché clienti e ospiti possano tornare a sentirsi a proprio agio negli acquisti e nelle consumazioni effettuate nei nostri centri urbani. In questo modo sarà possibile tornare a gustare queste esperienze e riconquistare almeno un po’ della qualità della vita persa in questi mesi”, conclude Moser.

 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/07/2021

"Vaccinarsi a due passi da casa" - lista attuale

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige, con l’intento di risparmiare alle cittadine ed ai cittadini lunghi spostamenti per eseguire la vaccinazione, insieme ai comuni dell'Alto Adige ha lanciato la campagna "Vaccinarsi a due passi da casa". In queste ...
 
 

20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...
 
 

10/07/2021

Coronavirus: nuovo allegato A autorizza distanze interpersonali minori

La Giunta provinciale ha approvato in seduta una modifica normativa che riduce da 10 a 5 i metri quadrati di spazio per persona necessari per garantire la prevenzione del contagio da Coronavirus. La variazione è stata introdotta con una modifica ...