Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
13/07/2018

"Abbiamo bisogno di strumenti che sostengano la flessibilità"

Sì al ritorno dei voucher, ma non solo per i settori turismo e agricoltura

Il presidente dell’Unione Philipp Moser
In un recente intervento al Senato di Roma, il ministro dello sviluppo economico Luigi di Maio ha aperto alla possibilità di reintrodurre i cosiddetti “voucher”, usati negli anni passati quale forma di pagamento del lavoro accessorio. Aboliti lo scorso anno, i voucher verrebbero però reintrodotti solo in due specifici settori, ovvero turismo e agricoltura. Una proposta che non soddisfa in alcun modo l’Unione. “Anche le aziende del commercio e dei servizi – sottolinea critico il presidente dell’Unione Philipp Moser – necessitano di strumenti di flessibilità legati alla stagionalità e alla situazione congiunturale”.

Sebbene le condizioni di un’eventuale reintroduzione dei voucher siano ancora tutte da definire, l’attuale proposta, così come formulata dal ministro, escluderebbe infatti la possibilità di adottarli anche in ambito commerciale o dei servizi. “Per noi – aggiunge Moser – si tratta di un ulteriore passo falso dopo quello avvenuto recentemente con il ritorno della causale nei contratti a termine. L’Unione è da sempre contraria ai rapporti di lavoro precari, ma, allo stesso tempo, non si può ignorare il fatto che in tutti e due i casi si tratta di decisioni che non vanno a vantaggio delle aziende. Per poter reagire alle necessità stagionali e alle oscillazioni economiche la flessibilità è necessaria, e qualsiasi impedimento è di ostacolo all’attività delle aziende”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

26/06/2019

Unione e sindacati provinciali trovano un accordo

Poco prima dell’inizio della stagione estiva, le aziende altoatesine del settore commercio e servizi avevano riscontrato un serio problema: dallo scorso anno, con l’entrata in vigore del cosiddetto “Decreto dignità” che riformava la regolamentazione ...
 
 

25/06/2019

Maggiori possibilità di stipulare contratti stagionali

Grazie all’impegno dell’Unione, fin da subito, in 57 Comuni dell’Alto Adige sarà possibile stipulare contratti stagionali durante tutto l’anno. Finora questa possibilità, in base all’accordo provinciale del 26 settembre 2016, era prevista solo in 25 ...
 
 

20/06/2019

Associazione 50+ nell’Unione: eletto il nuovo direttivo

Nell’ambito di un’assemblea dedicata, l’Associazione 50+ ha recentemente eletto il proprio direttivo. Christine Fuchsberger, Karl Zambaldi, Josef Windisch, Peter Hillebrand, Marianne Unterhofer, Waltraud Mahlknecht Rungaldier, Oswald Delleg ed Erwin ...
 
 

19/06/2019

Spostamento dei saldi estivi a fine luglio

In un sondaggio eseguito dall’Unione, la maggioranza dei commercianti al dettaglio altoatesini si è espressa a favore di uno spostamento dell’inizio dei saldi di fine stagione estiva per quest’anno. “Per molti commercianti, la data prevista ...