Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
18/01/2019

Ötzi rimanga in centro, ma nel contesto di un nuovo polo museale

Bolzano, costruttivo incontro tra Unione e Lega sul futuro del capoluogo

“Ötzi deve rimanere in centro e diventare la stella di un nuovo polo museale e culturale che faccia da anello di congiunzione tra città vecchia e nuova”. Questa è la convinzione maturata in occasione di un recente incontro tra il Direttivo comunale dell’Unione per la città di Bolzano e una delegazione della Lega del capoluogo composta dall’onorevole Filippo Maturi e dal consigliere comunale Kevin Masocco. Come è noto, la decisione circa la nuova destinazione di Ötzi, la famosa mummia del Similaun, dovrebbe arrivare entro gennaio.

“Tra Unione e Lega c’è piena sintonia sull’idea di fondo, cioè quella di mantenere Ötzi nell’ambito del centro storico e creare un vero e proprio ‘quartiere dei musei’ nei dintorni dell’attuale Museo Civico, così da riuscire a garantire anche in futuro gli attuali flussi di visitatori”, concordano i fiduciari comunali dell’Unione per la città di Bolzano Simone Buratti e Thomas Rizzolli. Una simile collocazione, inoltre, permetterebbe alle diverse scolaresche di continuare a raggiungerlo a piedi – fattore da non da sottovalutare - e di evitare qualsiasi problematica legata alla questione parcheggi. “Una volta realizzato il garage interrato in piazza Vittoria – precisano i fiduciari – sarà possibile sia visitare il polo museale che il centro storico nel suo complesso, sgravando allo stesso tempo l’asse di Corso Libertà”.
 
“Fin dalla sua collocazione nell’attuale Museo Archeologico – aggiungono i leghisti Maturi e Masocco – Ötzi ha rappresentato uno dei principali punti di attrazione per la città è nello specifico per il centro storico. Con il passare degli anni è divenuto un punto di riferimento per i turisti, allargando così lo spettro di interesse nei confronti del centro, guardando in modo significativo anche a Corso della Libertà. La posizione del museo nell’area vicino a ponte Talvera lo rende un anello di congiunzione tra città vecchia e nuova, coinvolgendo in modo positivo anche le passeggiate del Talvera”.

Incentivare i circuiti economici locali e rafforzare le attività rilevanti per i centri urbani sono compiti che rappresentano una sfida per tutti i comparti economici della società altoatesina. A oggi tutte le rilevazioni confermano come la vivacità di paesi e città sia strettamente legata alla presenza di punti di attrazione e aggregazione. “Per Bolzano lo straordinario reperto ospitato dal Museo archeologico è uno dei punti di attrazione dei più importanti, se non il maggiore in assoluto. È fondamentale mantenere il museo nell’area nella quale si trova attualmente, aumentando l’offerta didattica ed esperienziale legata al reperto, in modo di potenziarne l’interesse. Le possibilità sono molte, anche collocando in differenti edifici della zona i diversi reperti, in modo da creare una sorta di itinerario sul tema”.

“I flussi di visitatori e ospiti - concordano i due fiduciari dell’Unione - vanno attirati verso i centri urbani, non deviati al loro esterno. Solo così sarà possibile garantire l’attrattività del capoluogo e, di conseguenza, la qualità della vita offerta a residenti e turisti”. I fiduciari ricordano inoltre della promessa che fu fatta tempo addietro ai bolzanini di restituire alla cittadinanza il Virgolo, come luogo ricreativo per i bolzanini –appunto - e non per i turisti.

“Bolzano deve pensare al proprio futuro e progettarlo in maniera sostenibile e ponderata, tenendo conto delle esigenze di tutti, residenti, ospiti e forze economiche. Optare per un progetto solo perché non comporta costi aggiuntivi per le casse comunali, come affermato dal sindaco, non è una strategia che possa risultare vincente sul lungo periodo, occorre perseguire con determinazione una strada più lungimirante nell’interesse della popolazione tutta, con lo sguardo volto al futuro e non con paraocchi dettati da una mancanza di visione d’insieme. Il museo di Ötzi è una risorsa per la città, non una spesa, e come tale va gestita”, conclude il deputato leghista Filippo Maturi.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/10/2020

e-commerce: “Basta con l’attuale Far West!”

Per l’Unione rappresenta una dichiarazione di bancarotta internazionale: l’introduzione di una web tax per i giganti del commercio online, prevista entro il 2020, è stata posticipata al 2021.

“Alcuni giorni fa l’Organizzazione ...
 
 

28/10/2020

Assemblea generale ed elezioni per l’Associazione mediatori dell’Alto Adige

Attualmente, in Alto Adige, nel Registro delle imprese sono iscritte 359 aziende con attività di intermediazione. Di recente, presso la Cantina Merano, e sotto la guida del presidente uscente Herbert Arquin, si è tenuta l’annuale assemblea generale ...
 
 

26/10/2020

Covid-19, misure più restrittive in Alto Adige

Da lunedì 26 ottobre 2020 e fino a martedì 24 novembre 2020 è in vigore una nuova ordinanza d’urgenza del Presidente della Giunta provinciale (vedi in fondo alla pagina sotto i download) in tutto il territorio provinciale con misure ...
 
 

26/10/2020

Nuova fase con la nuova ordinanza d’urgenza

“La nuova ordinanza d’urgenza della Provincia va nella direzione giusta. Dobbiamo proseguire con l’attività dei tre pilastri economia, lavoro e scuola, seppure in una forma leggermente ridotta. Meglio attenersi ora a regola più ...