Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
03/10/2019

È prossima la tassazione per il commercio online

L’Unione: “I tempi sono maturi per l’introduzione di un’imposta equa”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
La tassazione digitale per il commercio online si avvicina: dopo la Francia ora anche l’Austria ha deciso di introdurre una tassa digitale per i colossi online a partire dal 1° gennaio 2020. “In questo modo l’Austria diventa il secondo Paese della UE che elabora autonomamente una tassazione digitale. I tempi sono maturi affinché anche in Italia si applichi una web tax”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.

A partire dal 2020, in Austria, le grandi aziende con fatturato annuale complessivo superiore ai 750 milioni di euro, di cui almeno 25 realizzati nella stessa Austria, saranno sottoposti a un’aliquota del 5 percento sui ricavi provenienti dalla pubblicità online. “Sebbene la tassazione delle entrate pubblicitarie sia di certo un buon inizio, si tratta tuttavia di un passo ancora timido, perché a essere tassato dovrebbe essere il fatturato complessivo”, precisa il presidente dell’Unione.

Nel programma del nuovo Governo italiano è entrata anche l’introduzione di una web tax che, tramite una corretta tassazione dell’economia digitale, dovrebbe garantire una nuova equità fiscale. “Grazie all’ottimizzazione e dello spostamento fiscale in altri Stati, in Italia i grandi colossi digitali, almeno finora, non hanno mai pagato tasse sui fatturati realizzati. E questa è una situazione che deve cambiare”, ribadisce Moser. Grazie a una tassa digitale dovrebbero essere chiuse le attuali lacune giuridiche, chiamando gli agglomerati digitali e le piattaforme di intermediazione e commerciali a rispondere delle loro responsabilità. A oggi, le aziende del commercio stazionario hanno un enorme svantaggio concorrenziale rispetto ai colossi online.

Per l’Unione, l’obiettivo definitivo è però la tassa digitale europea. La base delle soluzioni nazionali di Francia e Austria, però, è il fatto che, finora, non si sia trovato un accordo condiviso sull’introduzione di una tassazione digitale. L’Unione Europea, infatti, sta aspettando che si trovi una soluzione internazionale tra il G20 e gli Stati OCSE che l’Europa possa quindi applicare di conseguenza. “Ma quanto più tempo occorre a questo accordo, tanto più la UE viene messa sotto pressione. Perché sempre più Stati membri vogliono tassare le grandi imprese digitali”, chiarisce il presidente dell’Unione. Se, entro la fine del 2020, non sarà raggiunto alcun accordo internazionale, la UE introdurrà autonomamente una tassazione digitale da applicare al mercato interno europeo.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

01/10/2020

Bonus una tantum per le edicole

Con l’articolo 109 del decreto legge del 19 maggio 2020, nr. 34, convertito dal decreto legislativo del 17 luglio 2020, nr. 77, viene garantito un contributo una tantum fino a 500 euro per le persone fisiche che gestiscano un’attività esclusiva di ...
 
 

30/09/2020

Il packaging sostenibile per gli alimentari

Il settore alimentare è il più grande comparto del commercio al dettaglio in Alto Adige. Per molti consumatori, temi come gli acquisti consapevoli e il trend delle confezioni sostenibili sono diventati criteri fondamentali nella ...
 
 

28/09/2020

Operatori ortofrutticoli, iscrizione obbligatoria nella nuova banca dati

L’Unione informa che sono tenuti all'iscrizione alla Banca Dati Nazionale Operatori Ortofrutticoli, gli operatori ortofrutticoli che prendono parte alla commercializzazione, anche nella fase di vendita al dettaglio, degli ortofrutticoli freschi ...
 
 

15/09/2020

Finalmente sussidi per i settori più colpiti dalla crisi

Fino a oggi il settore dei viaggi e degli eventi in Alto Adige, con i relativi collaboratori, aveva estrema necessità di interventi per assicurare la propria esistenza. “Per le agenzie viaggi e per i prestatori di servizi per eventi l’attuale crisi ...