Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
21/06/2018

Il governo contro le aperture domenicali

L’Unione: sì a nuove leggi, ma con l’eccezione delle località turistiche

L’Unione accoglie con considera assai positiva l’intenzione del governo di Roma di limitare la liberalizzazione degli orari di apertura nel commercio. La proposta del Ministro del Lavoro Luigi di Maio prevede un ritorno alla situazione antecedente il 2012, ovvero prima del decreto Monti che, aprendo alla liberalizzazione totale del commercio al dettaglio, ha reso di fatto l’Italia l’unico paese europeo senza alcun limite agli orari di apertura.

Da sempre l’Unione è a favore del principio della chiusura domenicale con una regolamentazione locale. “L’importante – precisa il presidente dell’Unione Philipp Moser – è che un’eventuale regolamentazione si applichi a tutte le aziende nello stesso modo. Le numerose imprese di piccole dimensioni e a conduzione familiare della nostra provincia, dopo avere lavorato durante la settimana, non sono in grado di tenere aperto anche alla domenica. Le aperture domenicali sono discriminatorie, perché favoriscono la formazione di gruppi di concentrazione economica e determinano distorsioni concorrenziali a svantaggio degli esercizi già esistenti, che non soltanto garantiscono l’approvvigionamento della periferia ma assicurano anche l’esistenza di località attraenti e piene di vita”.

Oltre all’Unione, sul fronte favorevole a un’eventuale stretta nelle aperture domenicali ci sono sia Confcommercio che i sindacati. “Dati alla mano – precisa Moser – la liberalizzazione non ha portato nessun vantaggio economico: il fatturato dei negozi è rimasto lo stesso di prima, solo che si è frammentato su sette giorni invece che su sei. Lo stesso vale per le assunzioni: a fronte delle migliaia di nuovi assunti nella grande distribuzione ci sono altrettanti posti di lavoro persi nelle attività commerciali piccole e a conduzione familiare”.

Per i Comuni a vocazione turistica – sottolinea il presidente dell’Unione – vanno previste specifiche deroghe. L’Unione è favorevole a una limitazione degli orari di apertura alla domenica e nei giorni festivi che includa una regolamentazione speciale per le località turistiche, allo scopo di sostenere il commercio al dettaglio tradizionalmente gestito direttamente dall’imprenditore. Si tratta di componenti fondamentali per la vitalità di città, paesi e quartieri, e senza tali forme di commercio si andrebbe a perdere proprio quell’attrattività che invece cerchiamo in ogni modo di sostenere”.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/09/2019

Shopping serale a Brunico, consegnati 30 premi

Grandi sorrisi a Brunico per la consegna dei 30 premi dell’iniziativa legata allo shopping serale estivo a Brunico tenutasi di recente alla Banca Popolare in via Bastioni. Daniel Schönhuber, fiduciario comunale dell’Unione, ha ringraziato la ...
 
 

17/09/2019

Buone notizie per gli interpreti altoatesini

Alcune settimane fa l’Associazione interpreti Bolzano AIB aveva incontrato l’assessore provinciale competente, Philipp Achammer, per chiedere una maggiore considerazione per la categoria professionale nell’ambito dei bandi pubblici. “In particolare ...
 
 

13/09/2019

Consumare con più consapevolezza

“Banking is necessary. Banks are not”, aveva predetto Bill Gates all’industria finanziaria nel 1994. E come il nocciolo dell’industria finanziaria si è tramutato in tecnologia finanziaria (FinTech), così l’impresa commerciale del futuro sarà ...
 
 

12/09/2019

Commercianti soddisfatti del risultato economico

Il clima di fiducia nel commercio al dettaglio e nel settore del commercio e della riparazione di veicoli peggiora leggermente rispetto allo scorso anno. La redditività viene comunque giudicata soddisfacente dalla grande maggioranza delle imprese ...