Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
17/04/2020

Crisi Coronavirus, rilanciare i consumi

I Giovani nell’Unione: “Rafforzare il potere d’acquisto abbassando l’Iva”

“Rilanciare i consumi per mezzo di un abbassamento delle imposte”: per i Giovani nell’Unione, durante la crisi del Coronavirus, è necessario riavviare il circolo virtuoso dei consumi per tornare a risvegliare i circuiti economici – e bisogna farlo velocemente e in maniera priva di burocrazia.

“Il modo migliore di farlo sarebbe la decisione, da parte dello Stato di abbassare l’Iva per quest’anno, portandola al dieci percento”, propongono il presidente dei Giovani nell’Unione Luca Cantisani e il vicepresidente Philip Platino. “Il potere d’acquisto della popolazione va rafforzato sul breve termine, e sappiamo bene che esiste una correlazione tra pressione fiscale e propensione all’acquisto: più alte sono le tasse tanto minore sono le spese per il consumo.
Tutte le aziende ne approfitterebbero alla stessa maniera, senza vincitori né vinti e senza richieste burocratiche, eccezioni o regolamenti speciali”.

In Italia, inoltre, dovrebbero essere ridotti in misura notevole anche i costi correlati alla retribuzione. “Affinché l’occupazione torni a crescere, questo enorme fattore di costo per le aziende deve essere tagliato. Si tratta di una zavorra che accompagna l’Italia ormai da troppo tempo. Ora è il momento di cambiare radicalmente questa situazione”, precisano i due rappresentanti dei Giovani nell’Unione.

Per Cantisani e Platino, l’aspetto fondamentale della questione è che lo Stato deve reagire più velocemente con misure di sostegno per l’economia e la popolazione. “In questa crisi il fattore tempo ha un ruolo decisivo. E l’attesa è stata fin troppo lunga”, concludono i Giovani nell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

02/03/2021

Agenti e rappresentanti di commercio nell’Unione: “Ora serve un sostegno rapido e non burocratico da parte della Provincia!“

In breve tempo dovrebbe essere possibile presentare le richieste di sostegno per le aziende altoatesine che, negli ultimi 12 mesi, abbiano subito gravi perdite finanziarie. Questo, almeno, è quanto ha annunciato la Giunta provinciale. “I diversi ...
 
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

26/02/2021

Anche i grossisti altoatesini nel settore dei beni per gli allestimenti e gli investimenti lamentano gravi perdite

I commercianti all’ingrosso dell’Alto Adige nel settore non alimentare lottano ormai da mesi con gravi perdite. “A causa dei ripetuti lockdown nel settore turistico, queste aziende stanno subendo seri cali di fatturato”, afferma Werner ...
 
 

19/02/2021

Sempre più apprezzati gli acquisti locali e sostenibili

In un recente studio, il noto Istituto per la ricerca commerciale IFH di Colonia ha messo sotto la lente d’ingrandimento le abitudini di consumo durante la pandemia, confrontandosi soprattutto con gli aspetti della regionalità e della sostenibilità ...