Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
21/09/2018

Alto Adige 2033: la tavola rotonda

La Giovane economia Alto Adige parla di mercato del lavoro e la location economica

Da sin. Springeth (Giovani agricoltori), Tauber, Gamper (Giovani albergatori), Reinalter, Fischnaller (Giovani artigiani nell’APA), Lanz, Köllensperger, Pliger, Haller (Giovani agricoltori), Mair (Giovani imprenditori) e Winkler (Giovani nell’Unione)
In quale direzione si svilupperà l’economia dell’Alto Adige nei prossimi 15 anni? Questo è quanto si sono chiesti di recente i rappresentanti della Giovane economia dell’Alto Adige. In occasione della tavola rotonda di quest’anno, alla quale hanno preso parte alcuni candidati al Consiglio provinciale di ambito economico, è stato possibile affrontare e approfondire numerosi temi in un’atmosfera rilassata e coinvolgente.

I quattro candidati presenti si sono sottoposti alle domande del pubblico, suddivise in gruppi di dieci domande per blocco tematico. Il tempo a disposizione di ciascun candidato per rispondere ai quesiti è stato di due minuti. Il primo blocco tematico è stato dedicato al mercato del lavoro in Alto Adige. In quest’ambito si è parlato principalmente dell’esodo della forza lavoro e di come sia possibile contrastarlo. Si è discusso anche di formazione duale e di scuola bilingue quale incentivo per le competenze linguistiche.

Il secondo blocco tematico è stato invece dedicato all’Alto Adige quale location economica, puntando soprattutto sugli aspetti della mobilità e delle crescenti difficoltà legate al traffico. Si è parlato anche di aeroporto e di sgravi fiscali nonché di lotta alla burocrazia. Altri temi di particolare importanza sono risultati le chiusure domenicali e festive e il commercio nelle zone produttive. Sono state infine poste domande anche sulla sanità, sulla mancanza di manodopera e sul futuro dell’agricoltura.
 
Della Giovane economia Alto Adige fanno parte i rappresentanti delle organizzazioni giovanili Giovani nell’Unione, Giovani albergatori, Giovani artigiani APA, Giovani agricoltori e Giovani imprenditori in Assoimprenditori. Insieme rappresentano la voce dei giovani imprenditori in Alto Adige, rappresentano gli interessi della categoria, rafforzano il network che li lega, trattano temi strategici e lavorano insieme per orientare il futuro.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/03/2019

Aperture domenicali e festive: colloquio al vertice a Bolzano

Di recente l’Unione ha espresso riserve sulla nuova proposta formulata dalle associazioni nazionali della grande distribuzione e del commercio – tra cui anche l’associazione di riferimento nazionale Confcommercio – relativamente al tema delle ...
 
 

19/03/2019

Per centri urbani vivi e attrattivi

“Suscitare l’entusiasmo dei nostri giovani per le professioni del commercio e dei servizi: questo è uno dei compiti fondamentali della nostra associazione”, ha affermato il presidente mandamentale dell’Unione di Merano/Burgraviato Johann ...
 
 

15/03/2019

Incentivare la collaborazione nel mandamento

“Le nostre molte aziende, piccole e a conduzione familiare, assicurano la vitalità dei centri urbani e offrono posti per la formazione dei nostri giovani”, ha affermato il presidente mandamentale dell’Unione in Val Venosta Dietmar Spechtenhauser in ...
 
 

14/03/2019

Commercio al dettaglio: nuova proposta per una regolamentazione delle aperture domenicali e festive

Negozi chiusi in occasione di 12 festività nazionali e, in aggiunta, di altre quattro festività autonomamente stabilite a livello regionale – ma solo per le aziende commerciali con superficie di vendita oltre i 400 metri quadrati. Tutti gli altri ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Sarah Seebacher, MA

Formazione professionale e progetti per i giovani
Responsabile
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 510
E-mail: