Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Menu
 
 
 
 
16/12/2014

Grande onore per i Giovani nell'Unione

Nuovo marchio di qualità e network grazie alle Dolomiti patrimonio Unesco

Il premio “Miglior gruppo di giovani imprenditori 2014” è andato quest’anno ai Giovani nell’Unione grazie a un progetto collettivo realizzato con i gruppi delle province di Belluno, Pordenone e Udine. Il riconoscimento viene assegnato annualmente da Confcommercio. “Siamo riusciti per la prima volta a realizzare un progetto interprovinciale che ha messo al centro la regionalità, la sostenibilità e la qualità”, spiega soddisfatto Christian Giuliani, presidente dei Giovani nell’Unione, recentemente invitato a Roma a ritirare il premio assegnato all’iniziativa ideata dai quattro gruppi provinciali denominata “Un marchio di qualità per aziende in area Dolomiti Unesco”.
I giovani imprenditori delle quattro province appartenenti al comprensorio delle Dolomiti hanno sviluppato idee e progetti per l’incentivazione del locale settore del commercio e dei servizi nell’area dolomitica. “La situazione attuale ci costringe a elaborare nuove strategie comuni, e il patrimonio naturale che condividiamo rappresenta la piattaforma ideale per creare sinergie e collaborazione in rete”, raccontano Christian Giuliani e gli altri tre presidenti dei giovani imprenditori Cristina del Favero (Belluno), Stefano Medici (Pordenone) ed Emanuele Gerardi (Udine). L’obiettivo del progetto è lo sviluppo di un marchio di qualità territoriale che permetta alle aziende coinvolte di distinguersi per la qualità del servizio e dell’offerta proposta.

Nel comprensorio delle Dolomiti sono insediate 425 aziende facenti capo alle quattro associazioni economiche provinciali – circa 160 di esse in Alto Adige. Si tratta perlopiù di imprese attive nel commercio al dettaglio, nei servizi turistici e nella gastronomia. La maggioranza di esse sono piccole aziende familiari fortemente radicate sul territorio e che, per mezzo del commercio di vicinato, offrono a residenti e ospiti una vasta offerta di beni e servizi.

“Queste aziende – sottolineano i presidenti dei Giovani imprenditori – si distinguono per la consulenza individuale, la qualità dei prodotti e servizi offerti nonché per la professionalità del servizio. La profonda connessione di tali imprese con il territorio, la popolazione e i molti ospiti crea un ponte verso le Dolomiti e i valori che tale patrimonio intende trasmettere”. Di qui la naturale conseguenza di coinvolgere queste aziende nel progetto.

Per mezzo delle aziende e delle persone che vi lavorano, l’obiettivo del progetto è di promuovere e trasmettere valori quali la sostenibilità, le specificità del territorio e le tradizioni tanto antiche quanto innovative, diventando veri e propri ambasciatori di questo straordinario comprensorio naturale. L’area, inoltre, offre buone premesse per l’insediamento e la creazione di imprese disposte a condividere tali valori.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

08/08/2018

Al via l’apprendistato per informatici

“Siamo molto soddisfatti. Finalmente verrà introdotto un apposito apprendistato anche nel campo delle tecnologie informatiche”: questo il primo commento dei prestatori di servizi IT e internet nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige alla ...
 
 

03/08/2018

L’economia altoatesina in clausura

La Presidenza di Südtiroler Wirtschaftsring – Economia Alto Adige si è recentemente riunita presso l’Hotel Weinegg a Cornaiano per la riunione di clausura. Le Associazioni economiche di categoria dell’Alto Adige vogliono, insieme, mostrare in che ...
 
 

26/07/2018

Commercio al dettaglio nelle zone produttive: buone notizie da Roma

L’Unione accoglie con favore la decisione del Governo centrale di ritirare il ricorso a suo tempo presentato contro le disposizioni altoatesine in merito alla limitazione dell’esercizio di attività commerciali al dettaglio nelle zone produttive ...
 
 

13/07/2018

"Abbiamo bisogno di strumenti che sostengano la flessibilità"

In un recente intervento al Senato di Roma, il ministro dello sviluppo economico Luigi di Maio ha aperto alla possibilità di reintrodurre i cosiddetti “voucher”, usati negli anni passati quale forma di pagamento del lavoro accessorio. Aboliti lo ...