09/09/2020

Sì ai Mercatini di Natale con nuovi contenuti e progetti

L’Unione: “Una mera cancellazione dimostra poca lungimiranza”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
“Gravemente negligente”: così l’Unione definisce l’invito di un’organizzazione sindacale di lingua tedesca di non tenere, per quest’anno, i tradizionali Mercatini di Natale, a grave danno dell’attrattività e della vitalità dei paesi e città dell’Alto Adige.

“Proprio a causa della particolare fase che stiamo vivendo, abbiamo l’occasione unica di rielaborare questo marchio specifico dell’Alto Adige, ideando nuovi progetti e contenuti. Una semplice cancellazione o un rifiuto senza una nuova riflessione o un cambio di direzione, è un punto di vista poco lungimirante che non aiuta nessuno”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Il nuovo orientamento potrebbe far sì che i Mercatini di Natale siano meno un’attrazione per i turisti quanto più rivolti alla popolazione locale. Il tempo per introdurre nuovi contenut è sicuramente limitato, ma già le previste prescrizioni in materia di sicurezza e contingentamento consentono di eliminare il pericolo di assembramento.

L’Unione ricorda anche che, in tutta Europa, in Italia, ma anche in Alto Adige, paesi e città perdono frequenze, con effetti negativi su tutte le aziende – e relativi collaboratori – presenti nei centri abitati, sia nel settore commerciale che nella gastronomia, nei servizi e nell’artigianato. “Tra i motivi di questo calo nelle frequenze ci sono, per esempio, i sempre più numerosi acquisti presso i giganti del commercio online, la riduzione degli ospiti nei centri urbani degli ultimi mesi e anche il sempre più utilizzato smart working”, precisa Moser.

“Ciò che è sicuro è che bisogna agire per il futuro dei nostri centri urbani – là, dove si acquista e si consuma. Le località dell’Alto Adige vivono della loro attrattività, qualità della vita e frequenze delle persone che vi si muovono e vi sostano. Bisogna conservare le caratteristiche fondamentali dei nostri centri urbani vitali, facendo sì che rimangano punti di attrazione per le persone e luoghi ove le aziende possano lavorare con i rispettivi collaboratori”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

06/12/2021

A new Christmas Chance per “vivere“ Bolzano

Un milione di biglietti stampati, oltre 400 premi in palio, 70 sponsor, più di 220 attività imprenditoriali aderenti, alle quali si aggiungono gli stand del Mercatino di Natale di Bolzano: sono i numeri di “A news Christmas Chance“, il primo ...
 
 

03/12/2021

Coronavirus: l'Alto Adige recepisce le norme statali sul Green Pass

Il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, con la firma dell’Ordinanza n. 37 ha recepito anche per l’Alto Adige le norme statali per quanto riguarda il Green Pass. Le norme di questa Ordinanza entrano quindi in vigore su tutto il territorio ...
 
 

03/12/2021

I commercianti ambulanti nell’Unione tracciano un bilancio con alti e bassi

I commercianti ambulanti nell’Unione tracciano un bilancio di fine anno: “Anche la passata stagione del commercio ambulante in Alto Adige deve essere descritta come altalenante. L’unico aspetto positivo è che i mercati di approvvigionamento ...
 
 

01/12/2021

Viva il Natale, acquista locale!

Oggi, 1° dicembre 2021, è stata aperta la prima porticina dei calendari d’Avvento. L’Unione approfitta di questa giornata simbolica per lanciare un appello: “Nella nostra vita quotidiana dovremmo tornare a pensare regionale. Siamo sulla buona ...