23/03/2020

3.700 dettaglianti e 3.850 pubblici esercizi chiusi in Alto Adige

Il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini esprimono preoccupazione: “Allestire un fondo di emergenza per le piccole aziende!”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini
La situazione in tutto l’Alto Adige è grave: l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha calcolato tramite la Geoanalisi che, in Alto Adige, dal 12 marzo 2020, circa 3.700 aziende del commercio al dettaglio e 3.850 aziende della gastronomia (caffè e gelaterie, bar, pub e ristoranti) in Alto Adige hanno chiuso.

“Una cosa è certa: se la chiusura di queste aziende si protrarrà per un tempo maggiore di quanto previsto, allora per molte attività gestite direttamente dal titolare la situazione si farà molto seria”, affermano molto preoccupati il presidente dell’Unione Philipp Moser e il vicepresidente Sandro Pellegrini. Una chiusura prolungata sarebbe fatale, spiegano i vertici dell’Unione.

Attualmente i magazzini sono pieni di merce che non può essere venduta, affitti e crediti vanno onorati – anche se vengono posticipati, rimane il debito –, la liquidità si esaurisce e anche la possibilità di avere dei crediti ponte implica un nuovo indebitamento, sintetizza l’Unione riassumendo la preoccupante situazione di questi giorni.

“Stiamo parlando di migliaia di piccole aziende in Alto Adige, che garantiscono paesi e città vivi e attrattivi. Ma anche moltissimi prestatori di servizi, come agenzie viaggi, consulenti aziendali o prestatori di servizi per eventi, sono in grave crisi”, ricordano Moser e Pellegrini. Per queste aziende sarà un anno assai difficile, se si considera anche che il turismo si riprenderà solo in autunno.

Per questi motivi l’Unione auspica l’istituzione di un fondo di emergenza per queste piccole aziende. “Se vogliamo salvare questa grande varietà di aziende piccole e a gestione familiare, allora bisogna prendere decisioni coraggiose e soprattutto rapide!” ribadiscono con energia Moser e Pellegrini.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

06/12/2021

A new Christmas Chance per “vivere“ Bolzano

Un milione di biglietti stampati, oltre 400 premi in palio, 70 sponsor, più di 220 attività imprenditoriali aderenti, alle quali si aggiungono gli stand del Mercatino di Natale di Bolzano: sono i numeri di “A news Christmas Chance“, il primo ...
 
 

03/12/2021

Coronavirus: l'Alto Adige recepisce le norme statali sul Green Pass

Il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, con la firma dell’Ordinanza n. 37 ha recepito anche per l’Alto Adige le norme statali per quanto riguarda il Green Pass. Le norme di questa Ordinanza entrano quindi in vigore su tutto il territorio ...
 
 

03/12/2021

I commercianti ambulanti nell’Unione tracciano un bilancio con alti e bassi

I commercianti ambulanti nell’Unione tracciano un bilancio di fine anno: “Anche la passata stagione del commercio ambulante in Alto Adige deve essere descritta come altalenante. L’unico aspetto positivo è che i mercati di approvvigionamento ...
 
 

01/12/2021

Viva il Natale, acquista locale!

Oggi, 1° dicembre 2021, è stata aperta la prima porticina dei calendari d’Avvento. L’Unione approfitta di questa giornata simbolica per lanciare un appello: “Nella nostra vita quotidiana dovremmo tornare a pensare regionale. Siamo sulla buona ...