08/10/2021

I produttori di film dell’Alto Adige si presenteranno in maniera unitaria:

Nuova categoria nell’Unione “Interlocutori per il locale settore cinematografico”

da sin. Markus Frings, Raphael Di Biase, Gottardo Giatti, Hannes Hofer, Maximilian Ulbricht, Marianna Pasina (in rappresentanza di Michela Parlavecchio), Martin Rattini, Florian Geiser e Wilfried Gufler.
L’obiettivo futuro dei produttori cinematografici dell’Alto Adige è presentarsi in maniera unitaria e rappresentare in questo modo al meglio i propri interessi. Di recente, in seno all’Unione, è stata costituita la relativa categoria professionale.“Grazie anche all’incentivo al cinema di IDM, in Alto Adige il settore cinematografico è diventato un importante fattore di crescita economica. Noi produttori cinematografici siamo imprenditori e datori di lavoro per molti professionisti locali attivi nel settore in provincia, e siamo concordi sul fatto che, in Alto Adige, serva una rappresentanza di interessi unitaria delle aziende attive nel settore cinematografico, che funga da riferimento e punto di incontro per finanziatori, emittenti, politici e operatori del settore nazionale e internazionale”, spiega il portavoce del gruppo Markus Frings.

“Anche il settore cinematografico fa parte del variegato settore dei servizi in Alto Adige e, oltre a un importante ruolo sociale, ne ha anche uno economico, altrettanto significativo”, ha sottolineato il presidente dell’Unione Philipp Moser alla costituzione della nuova categoria. Da qui deriva la decisione dell’Associazione di incentivare la creazione di una nuova piattaforma per il settore.

L’obiettivo è essere interlocutori di tutti i produttori cinematografici e dare vita a un innovativo network economico. Allo stesso tempo dovrebbero essere anche rappresentati gli interessi settoriali e politico-economici delle aziende associate. La categoria fungerà da elemento di collegamento al momento di impegnarsi nel posizionamento dei produttori cinematografici sul mercato, così da partecipare alla costituzione delle condizioni generali per il cambiamento digitale nel settore cinematografico e dei media.

I membri della nuova categoria sono: Michela Parlavecchio (Frabiato Film), Andreas Pichler (Miramonte Film), Wilfried Gufler (Albolina Film), Martin Rattini (Helios – sustainable films), Hannes Hofer (Maier Bros.), Florian Geiser (Cine Chromatix Italy), Maximilian Ulbricht e Raphael Di Biase (Maramo Films), Gottardo Giatti (Formasette), Markus Frings (Mediaart Production Coop) nonché i rappresentanti della FAS (Film Association Southtyrol).
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Katharina Gutgsell

Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 507
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

30/11/2021

Shopping d’Avvento: “Il fascino del Natale – Brunico” con grande gioco a premi

Come speciale iniziativa per sostenere la vitalità del centro storico di Brunico, durante l’Avvento di quest’anno, il locale gruppo comunale dell’Unione in collaborazione con l’associazione turistica di Brunico e i partner Cassa Raiffeisen Brunico ...
 
 

29/11/2021

L’Unione organizza visite aziendali per studenti con background migratorio:

Tra i progetti per i giovani dell’Unione sono comprese anche le visite aziendali per giovani e studenti. In questo campo l’associazione intende porsi come punto di contatto tra futuri professionisti e locale mondo del lavoro. “Il commercio, i ...
 
 

24/11/2021

Gestori di centri fitness e aziende del settore salute: “Perso più del 50 percento del fatturato”

Dopo che, nelle scorse settimane e mesi, molte aziende dell’economia altoatesina avevano potuto tornare a una situazione di quasi normalità, le palestre e i centri fitness sono ancora costrette a lottare contro estese limitazioni e gravi difficoltà ...
 
 

24/11/2021

Nei Comuni rossi i negozi sono ancora aperti

Come noto, secondo la recente ordinanza, per 20 Comuni dell’Alto Adige saranno in vigore regole più severe almeno fino al 7 dicembre. L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige sottolinea però espressamente che, in questi Comuni, tutte le aziende ...