Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
03/05/2019

Ottimismo per il commercio al dettaglio

Barometro IRE per la primavera 20109

Il clima di fiducia nel commercio al dettaglio in Alto Adige si conferma tendenzialmente positivo. Nel 2018 la redditività è stata soddisfacente per l’86 percento dei commercianti, con un incremento di quattro punti percentuali rispetto all’anno precedente. Anche le aspettative per il 2019 sono ottimistiche, con quasi nove dettaglianti su dieci che prevedono un risultato di esercizio soddisfacente.

Lo scorso anno i fatturati nel commercio al dettaglio hanno registrato una crescita, anche per effetto dell’incremento dei prezzi al consumo. Gli investimenti sono aumentati, soprattutto nel comparto dei supermercati e nel commercio senza sede fissa (ambulante e online). Anche l’occupazione ha registrato un andamento positivo: nel 2018 il numero di dipendenti del commercio (compreso l’ingrosso) è aumentato del 3 percento rispetto all'anno precedente. Tuttavia, i commercianti segnalano anche un aumento dei costi di esercizio e un peggioramento della competitività aziendale, in parte dovuto alla crescente concorrenza da parte delle catene internazionali e del commercio online.

Per il 2019 le imprese prevedono un ulteriore leggera crescita delle vendite e un andamento positivo dell’occupazione, mentre l’attività di investimento dovrebbe essere in linea con lo scorso anno.

"Abbiamo bisogno di maggiore equità fiscale tra commercio online e commercio stazionario. A tal fine, in Italia va introdotta una tassa digitale, soprattutto dopo che un progetto analogo su scala europea è appena fallito. Non può essere che le aziende tradizionali siano sottoposte a una pesante pressione fiscale e che, contemporaneamente, in Italia i guadagni dei grandi gruppi internazionali online non siano praticamente sottoposti ad alcuna tassazione", affrma il presidente dell'Unione Philipp Moser.

Tra le diverse branche del commercio al dettaglio, il miglior clima di fiducia si registra nel comparto dei grandi magazzini, supermercati e mini-mercati, dove quasi tutte le imprese sono riuscite a conseguire un risultato economico soddisfacente lo scorso anno e prevedono di poter fare altrettanto nell’esercizio in corso. Note positive provengono anche dal commercio al dettaglio senza sede fissa. Per contro, vari negozi di alimentari, arredamento e abbigliamento segnalano una redditività insoddisfacente.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

12/07/2019

Bolzano, incontro tra Unione e assessore all’economia Stephan Konder

Si è tenuto oggi (venerdì, 12 luglio) un cordiale incontro tra una delegazione dell’Unione di Bolzano composta dai due fiduciari comunali Thomas Rizzolli e Simone Buratti, nonché dalla caposede dell’Unione per la città di Bolzano Marcella Macaluso, ...
 
 

28/06/2019

Shopping serale in 30 città e paesi dell’Alto Adige

Circa 200 serate di shopping dotate di altrettanti ricchi programmi di contorno animeranno quest’anno le sere estive di 30 città e paesi dell’Alto Adige. “Quello realizzato dai nostri vivaci centri urbani è un programma interessante e attrattivo”, ...
 
 

19/06/2019

Spostamento dei saldi estivi a fine luglio

In un sondaggio eseguito dall’Unione, la maggioranza dei commercianti al dettaglio altoatesini si è espressa a favore di uno spostamento dell’inizio dei saldi di fine stagione estiva per quest’anno. “Per molti commercianti, la data prevista ...
 
 

11/06/2019

Shopping serale, tutte le date disponibili

Le serate dello shopping, con i loro variopinti programmi di contorno, animano le estati di numerosi paesi e città di tutto l’Alto Adige. Alla loro organizzazione contribuiscono l’Unione e tutta un’altra serie di associazioni, enti e imprenditori ...